Redazione

Tensioni Usa-Iran: le compagnie aeree cambiano le rotte

Tensioni Usa-Iran: le compagnie aeree cambiano le rotte

Anche Alitalia tra gli operatori che hanno deciso di modificare le tratte per evitare lo Stretto di Hormuz e il Golfo dell’Oman. Trump incerto sulla risposta a Teheran.

21 Giugno 2019 14.44

Like me!

Le grandi compagnie aeree modificano le proprie rotte per la tensione con l’Iran schizzata alle stelle dopo l’abbattimento del drone americano: Lufthansa, British Airways, Alitalia, Klm e Qantas hanno annunciato che i loro aerei non sorvoleranno lo Stretto di Hormuz ed il Golfo dell’Oman. Per quanto riguarda gli Usa, la Federal Aviation Administration (l’autorità per il trasporto aereo americano) ha vietato agli operatori statunitensi di volare in quello spazio aereo.

ALITALIA MODIFICA LE ROTTE

Anche Alitalia ha deciso di modificare la rotta dell’unico volo che sorvolava lo Stretto di Hormuz e il Golfo dell’Oman. Fonti della compagnia fanno sapere che è stata cambiata la rotta sulla Roma-Delhi, senza modificare però l’orario e la durata del volo. La decisione della compagnia italiana, spiegano le stesse fonti, ricalca quelle di altre compagnie europee che hanno modificato le proprie rotte.

SI ALLUNGA L’ELENCO DELLE COMPAGNIE

In mattinata, altre compagnie hanno fatto sapere di aver ridisegnato le rotte dei propri voli. Tra gli ultimi Emirates, Etihad, la compagnia low-cost FlyDubai, Singapore e Malaysia Airlines. «La minaccia di un attacco ad un aereo civile a Sud dell’Iran è reale», ha avvertito la Opsgroup, una società per la sicurezza aerea americana, dopo l’allarme della Federal Aviation Administration. Etihad ha fatto sapere di avere messo in atto «piani di emergenza» senza specificare ulteriormente, Emirates ha motivato invece il cambio di rotta con l’intento di evitare «le aree di possibile conflitto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *