Il Comune di Udine iscrive all’anagrafe il figlio di due mamme

Redazione
09/02/2024

«Con questo atto», spiega il sindaco De Toni, «in attesa della conclusione del procedimento di adozione, il minore risulta tutelato nei propri diritti».

Il Comune di Udine iscrive all’anagrafe il figlio di due mamme

Il Comune di Udine, per la prima volta, ha iscritto all’anagrafe il figlio di due mamme. Il sindaco Alberto Felice De Toni, come riporta il Messaggero Veneto, ha accolto la richiesta della madre intenzionale per permetterle di esercitare i diritti e i doveri di genitore nell’interesse del neonato.

LEGGI ANCHE: A Brescia dichiarati legittimi gli atti di nascita di bambini con due mamme

Una manifestazione del 2023 a Milano per i diritti delle coppie omogenitoriali (Getty Images).

«Con questo atto», spiega De Toni al quotidiano, «in attesa della conclusione del procedimento di adozione, il minore risulta in maniera formale e sostanziale tutelato nei propri diritti, venendo garantita la continuità e la ‘copertura’ genitoriale. Ciò pur nella consapevolezza della mancanza, allo stato nel nostro ordinamento, di una norma legittimante il riconoscimento». Il Comune di Udine ha scelto una nuova formulazione per registrare l’atto che, come auspica l’amministrazione comunale, potrebbe avere più opportunità di resistere in caso di eventuale impugnazione: «Rispetto agli altri Comuni abbiamo preso atto della procreazione medicalmente assistita», afferma De Toni. Le due donne hanno già due bambini, nati all’estero. Questo per loro è il terzo figlio.