Condanna per l’omicida del piccolo Alessandro

Redazione
24/01/2011

L’omicidio di Alessandro Mathas, di 8 mesi, avvenuto la notte del 15 marzo scorso, ha un colpevole. Si tratta di...

Condanna per l’omicida del piccolo Alessandro

L’omicidio di Alessandro Mathas, di 8 mesi, avvenuto la notte del 15 marzo scorso, ha un colpevole. Si tratta di Antonio Rasero, condannato a 26 anni di carcere dalla Corte d’Assise di Genova. Che ha tuttavia escluso le aggravanti dei futili motivi, della crudeltà e delle sevizie. La Corte ha anche disposto la trasmissione degli atti del processo alla Procura del capoluogo ligure per procedere nei confronti di Katerina Mathas, la madre del bimbo ucciso, che all’epoca era la compagna occasionale di Rasero.
«LEI COLPEVOLE». «Aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza per capire meglio la decisione della Corte», si è limitato a commentare il pubblico ministero Marco Airoldi, all’uscita dall’aula del tribunale.
Alla lettura della sentenza la madre di Rasero, Pierina Cossu, che era presente in aula, ha avuto un malore. Poi, tuttavia, ha reagito. «Ha fatto tutto lei, è lei l’unica colpevole», ha commentato, riferendosi a Mathas, «Mio figlio è innocente, la colpa è sua».
La sentenza non soddisfa nemmeno Andrea Vernazza, uno dei legali del broker genovese Rasero: «L’impostazione del pm è stata fatta a pezzi. Poi la sentenza non ci soddisfa, ma adesso si aprono orizzonti processuali non da poco: sentiamo le motivazioni e vediamo cosa succederà»