Confindustria: «Crisi peggiore del previsto»

25 Giugno 2012 17.00
Like me!

Confindustria profila nuvole nere all’orizzonte per
l’Europa.
Le condizioni economiche dell’eurozona «si stanno rivelando
molto peggiori di quel che era stato previsto pochi mesi fa». E
le misure finora adottate dalla Bce e dai governi «si sono
dimostrate del tutto inadeguate».
Questo il netto bilancio della confederazione guidata da Giorgio
Squinzi sulle politiche di bilancio europee e di anticipazione
delle previsioni del rapporto del suo centro studi.
CONTRO LE POLITICHE DI RIGORE. Si critica in
particolare le misure adottate dall’Ue per risanare i conti,
si legge, «le politiche di bilancio improntate al solo rigore,
invece di stabilizzare il ciclo, stanno facendo avvitare su se
stessa l’intera economia europea».
Nel frattempo Squinzi, a margine dell’assemblea degli
industriali di Como, ha parlato delle lettere indirizzata al
presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, e al
presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy.
«Oggi è partita la lettera di varie associazioni italiane. Ne
partiranno altre in questi giorni. È un pressing che stiamo
cercando di fare sulla commissione europea perché nel vertice
del 28 e 29 di giugno si prendano le decisioni giuste che vadano
nella direzione di farci ritrovare la crescita», ha spiegato il
leader degli industriali.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *