Le ultime da Confindustria tra i diktat di Giorgetti e la gara delle agenzie di comunicazione: le pillole del giorno

Luca Di Carmine
25/01/2024

Visto il moltiplicarsi di rumors, il ministro ha chiesto alle aziende pubbliche iscritte al sindacato degli industriali di non schierarsi fino a che le candidature per il vertice di Viale dell'Astronomia non verranno ufficializzate. Gran corsa dei pierre per assistere chi è in lizza: Orsini ha scelto Image Building, Gozzi Comin e Partners. E Garrone? Si mormora la Sec.

Le ultime da Confindustria tra i diktat di Giorgetti e la gara delle agenzie di comunicazione: le pillole del giorno

Ufficialmente la corsa alla presidenza di Confindustria parte il 1 febbraio con la scelta dei saggi che dovranno scremando le candidature, ma siccome le voci del “questo appoggia quello” si infittiscono, il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha ordinato a tutte le aziende pubbliche iscritte al sindacato degli imprenditori di non schierarsi fino a che le candidature non verranno ufficializzate.

La corsa delle agenzie di comunicazione per assistere i candidati al vertice di Confindustria

Come ogni quattro anni, gran corsa delle agenzie di comunicazione per assistere chi è in lizza per il vertice di Viale dell’Astronomia. Il favorito Emanuele Orsini ha scelto la Image Building di Giuliana Paoletti. Scelta scaramantica, visto che l’agenzia milanese ha fatto da consulente a Squinzi, Boccia e Bonomi, ovvero gli ultimi tre presidenti di Confindustria. Antonio Gozzi si appoggia invece alla Comin & Partners, non foss’altro cha la società guidata da Gianluca Comin già lo assiste per Duferco, la holding di di famiglia, e Federacciai, il sindacato dei siderurgici di cui l’imprenditore ligure è presidente. E Garrone? Voci non confermate dicono che si stia appoggiando alla Sec di Fiorenzo Tagliabue, colosso oramai internazionale della consulenza. Nel frattempo a fargli da pierre ci pensa attivamente la moglie Anna Pettene.

Confindustria, le ambizioni di Garrone e il ruolo della moglie anna pettene
Emanuele Orsini (Imagoeconomica).

Il presidente della Cei Matteo Zuppi viaggia in Bmw

Nella sede nazionale di Confagricoltura, nel romano Palazzo Della Valle, si è svolta l’inaugurazione della sala Serpieri, appena restaurata, con l’intervento del cardinale Matteo Maria Zuppi, presidente della Cei. Accolto da Massimiliano Giansanti, presidente dell’organizzazione, Zuppi è arrivato a bordo di un suv Bmw, tra lo stupore di alcuni presenti. «Ma non è il fedelissimo di Papa Francesco?», ha domandato qualcuno, ricordando le auto spartane del pontefice, a cominciare dalla vecchia Ford Focus che utilizza per gli spostamenti nel territorio capitolino, oltre all’amata Fiat 500L. In effetti, la sobrietà è un lusso che pochi possono permettersi.

Le ultime da Confindustria tra i diktat di Giorgetti e la gara delle agenzie di comunicazione: le pillole del giorno
Il presidente dela Cei, Matteo Zuppi (Getty Images).

Avvisate Mattarella, stasera su Rete4 parla La Russa

Avvisate il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: giovedì sera a Dritto e rovescio, il talk show in onda in prima serata su Rete4, Paolo Del Debbio intervista il presidente del Senato Ignazio La Russa «sui temi di più stretta attualità politica, economica e sociale. Nel corso della puntata un ampio approfondimento verrà dedicato all’approvazione del ddl Calderoli sull’Autonomia differenziata nell’aula del Senato, tra le proteste delle opposizioni che hanno cantato l’Inno di Mameli e sventolato il tricolore». Aiuto!

Smettiamo di chiedere a La Russa se è antifascista, la sua non risposta è fin troppo chiara
Ignazio La Russa (Imagoeconomica).

Casini presenta C’era una volta la politica alla Luiss

Pier Ferdinando Casini, classe 1955, alla Luiss, l’università di Confindustria. Non in qualità di docente di storia della Democrazia Cristiana, ma come autore del libro C’era una volta la politica: nel campus romano di viale Pola il prossimo 5 febbraio Casini riassumerà le sue esperienze nei palazzi del potere, dopo i saluti introduttivi di Paola Severino, presidente Luiss School fo Law. E sarà presente padre Enzo Fortunato, già direttore della Sala Stampa del sacro Convento di Assisi, che verrà festeggiato per il suo nuovo incarico di direttore della Comunicazione della Basilica Papale di San Pietro in Vaticano e coordinatore della Giornata mondiale dei bambini, per volontà di Papa Francesco.

Le ultime da Confindustria tra i diktat di Giorgetti e la gara delle agenzie di comunicazione: le pillole del giorno
Pier Ferdinando Casini (Imagoeconomica).

C’è l’Ordine di Malta per padre Benanti

A Roma è in corso la conferenza degli Ambasciatori del Sovrano Militare Ordine di Malta, con al centro «il ruolo della diplomazia umanitaria e culturale in uno scenario internazionale ricco di sfide tra conflitti, nuove tecnologie e transizione digitale e sostenibile». Nella Villa Magistrale, tra le presenze “vip” sono da sottolineare quelle del presidente di Enel Paolo Scaroni e di padre Paolo Benanti, professore straordinario nella facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana: è l’uomo che ha preso il posto di Giuliano Amato alla presidenza della commissione Ai per l’informazione. Il Gran Maestro Fra’ John Dunlap ha sottolineato il dovere di «lavorare insieme per garantire un maggiore impatto e un più forte impegno di advocacy nei confronti di leader politici, media, istituzioni educative e altri canali di comunicazione pubblica».

Padre Paolo Benanti
Padre Paolo Benanti Imagoeconomica).

Giuseppe Avolio, il socialista agricolo

Anche il mondo agricolo votava Psi. A Roma è stato presentato il libro Terra e libertà. Giuseppe Avolio, una vita socialista, dedicato all’indimenticato leader della Cia, la Confederazione italiana agricoltori. Avolio (1924-2006), da Afragola, dopo la Seconda Guerra mondiale guidò l’edizione napoletana del quotidiano L’Avanti!, quindi fu deputato per tre legislature e con Lelio Basso promosse il nuovo Psiup, il Partito socialista italiano di unità proletaria, per poi tornare nel Psi diventando il responsabile nazionale della politica agraria. Convocando una costituente per l’unità nelle campagne. Altri tempi.

Le ultime da Confindustria tra i diktat di Giorgetti e la gara delle agenzie di comunicazione: le pillole del giorno
Giuseppe Avolio (Imagoeconomica).

Pd, troppi svaghi a Gubbio?

Il conclave del Pd a Gubbio è stato archiviato, ma per alcuni la trasferta umbra ha offerto «troppi svaghi» ai quali era difficile resistere. Possibile? Nel territorio comunale c’era la biennale d’arte, definita come «la più antica d’Italia». Ma nelle vicinanze, a Bastia Umbra, ecco l’allestimento di una kermesse per gli amanti del mondo dei comics, dei games e dell’intrattenimento multimediale. Con Cristina D’Avena chiamata a cantare le sigle dei cartoni animati di una volta. Imperdibile…