Il consigliere diplomatico di Meloni Francesco Talò si è dimesso

Redazione
03/11/2023

Ha fatto un passo indietro dopo il caso della telefonata finta dei due comici russi. Ad annunciarlo è stata la premier: «Gesto di responsabilità. Siamo tutti dispiaciuti, ma la vicenda è stata gestita con leggerezza».

Il consigliere diplomatico di Meloni Francesco Talò si è dimesso

Il consigliere diplomatico di Giorgia Meloni, Francesco Talò, si è dimesso il 3 novembre mattina dopo il caso dello scherzo telefonico subito dalla premier e opera di due comici russi. Ad annunciarlo è stata la stessa presidente del Consiglio, rispondendo a una domanda durante la conferenza stampa che ha seguito il Consiglio dei ministri in cui è stato approvato il testo sul premierato. Meloni ha dichiarato: «Stamattina il mio consigliere diplomatico Francesco Talò ha rassegnato le dimissioni. Siamo tutti dispiaciuti. Questa vicenda non è stata gestita bene».

LEGGI ANCHEMeloni tra scherzi telefonici e fuorionda dovrebbe farsi qualche domanda sull’intelligence

La premier: «Gesto di responsabilità»

Giorgia Meloni ha spiegato che la storia della telefonata dei due comici è stata «gestita con una leggerezza che ha esposto la nazione». Talò si è così dimesso con quello che la premier ha definito un «gesto di responsabilità». La presidente del Consiglio ha poi aggiunto: «Di queste telefonate ne abbiamo fatte almeno 80 e mi dispiace che in questo inciampo sia messo in discussione ciò che è stato fatto. Ringrazio lui e l’ufficio diplomatico. Io se ricevo una telefonata dall’ufficio del consigliere diplomatico la devo dare per buona…penso che si sia confermata la coerenza del governo».

LEGGI ANCHECosa non ha funzionato nel buco di Palazzo Chigi sullo scherzo a Meloni

Il consigliere di Giorgia Meloni si è dimesso «Gesto di responsabilità»
Giorgia Meloni (Imagoeconomica).

Meloni: «Questa è la madre di tutte le riforme»

Parlando dell’approvazione del testo, invece, Meloni ha dichiarato che si tratta della «madre di tutte le riforme». E ha spiegato: «La riforma costituzionale introduce l’elezione diretta del presidente del Consiglio e garantisce due obiettivi che dall’inizio ci siamo impegnati a realizzare. Il diritto dei cittadini a decidere da chi farsi governare, mettendo fine a ribaltoni, giochi di palazzo e governi tecnici. Il ruolo del presidente della Repubblica è di assoluta garanzia. Abbiamo deciso di non toccarne le competenze, salvo l’incarico al presidente del Consiglio, che viene eletto. Questa è la madre di tutte le riforme che si possono fare in Italia perché se facciamo un passo indietro e guardiamo agli ultimi 20 anni abbiamo avuto 12 presidenti del Consiglio».