Conti pubblici, il Mef attacca i comuni per la poca spending review

30 Novembre 2017 13.30
Like me!

«Le Province hanno operato una marcatissima opera di Spending Review propriamente detta: più di tre quarti della correzione della spesa viene da lì (acquisti -35%, trasferimenti -40%)», mentre «i Comuni hanno agito meno in quel senso: l'11,8% della correzione viene da Spending»: il resto si deve al blocco del turnover e a interessi passivi. Così il consigliere di palazzo Chigi, Luigi Marattin, presentando uno studio al Mef, sul periodo 2010-2015. Ecco che se la spesa dei Comuni si è ridotta di 2,381 miliardi «solamente» 384 milioni sono imputabili a tagli per l'acquisto di beni e servizi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *