Copasir: D’Alema non sospende i lavori

Alessandro Da Rold
05/10/2010

Il Pdl chiedeva una verifica di rappresentanza

Copasir: D’Alema non sospende i lavori

Il Copasir, comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, «non può interrompere la propria attività e sentirà entro la prossima settimana i direttori dei Servizi» in merito agli allarmi terrorismo lanciati in questi giorni dall’intelligence statunitense.
Lo ha comunicato il presidente Massimo D’Alema, al termine della riunione di martedì 5 ottobre. Ma nel frattempo è scontro tra la maggioranza di centrodestra e Partito Democratico sulle rappresentanze parlamentari del Comitato dopo la nascita di Futuro e Libertà.
A non prendere parte alla riunione di martedì sono stati i parlamentari del Pdl Fabrizio Cicchitto, Gaetano Quagliariello e Giuseppe Esposito e la deputata della Lega Nord Maria Piera Pastore. Presente, invece, il deputato di Futuro e Libertà, Carmelo Briguglio. Mercoledì prossimo è prevista una nuova riunione. 

Le proteste del Pdl

Lunedì 4 ottobre, con una lettera inviata ai presidenti delle Camere, Cicchitto insieme all’altro deputato Maurizio Gasparri, avevano infatti chiesto di «verificare» se la composizione del Copasir fosse rappresentativa delle forze politiche presenti in Parlamento dopo la nascita di Fli.
Processo che richiederebbe un immediato blocco dei lavori. Categorico D’Alema, che ha annunciato che l’attività del Copasir «non può assolutamente essere sospesa». Per il presidente del Copasir «è indispensabile che le questioni sollevate dai capigruppo di maggioranza, che investono le responsabilità dei presidenti delle Camere, siano definite in vista delle prossime sedute del comitato».
Guardando alla legge di riforma dei Servizi segreti, che indica come deve essere composto il Copasir, il Pdl ha ricordato lunedì due criteri cardine: la rappresentanza paritaria di maggioranza e opposizione e la proporzionalità dei componenti. «I due principali gruppi di maggioranza e di opposizione si trovano ad avere ciascuno un componente in meno rispetto a una aggiornata proiezione proporzionale».

Rutelli si schiera con D’Alema

«È irresponsabile sospendere l’attività dell’organismo di controllo sui servizi in un momento molto delicato per la sicurezza interna e internazionale. Ed è contraddittorio, alla luce della doverosa e, finora, assicurata attività bipartisan del comitato».
Lo ha detto il senatore del Pd Francesco Rutelli, componente del Copasir. «È anche irresponsabile», ha aggiunto, «portare divisioni interne alla coalizione di maggioranza in un organismo che deve esserne tenuto fuori. È anche tecnicamente sballata, dal punto di vista formale e della prassi parlamentare trentennale, la lettera di Cicchitto e Gasparri».