Coppa Davis, Sinner e Sonego vincono il doppio: Italia in semifinale

Redazione
23/11/2023

Dopo l’1-1 nei match di singolare, la coppia azzurra si è imposta sugli olandesi Griekspoor e Koolhof con il punteggio di 6-3, 6-4. Nel prossimo turno ci sarà la vincente tra Serbia e Gran Bretagna.

Coppa Davis, Sinner e Sonego vincono il doppio: Italia in semifinale

L’Italia è in semifinale di Coppa Davis grazie a Jannik Sinner e Lorenzo Sonego. I due Azzurri infatti hanno vinto il match di doppio contro la coppia olandese formata da Tallon Griekspoor e soprattutto da Wesley Koolhof, numero 8 nella classifica mondiale di categoria. Il risultato finale è stato di 6-3, 6-4 in un’ora e 24 minuti di gioco. Nel primo parziale fondamentale un break nell’ottavo game, che ha portato l’altoatesino a servire per il set. Ottima la prestazione al servizio del numero 4 al mondo, che ha servito ben quattro prime vincenti consecutive. L’equilibrio del secondo set si è rotto al settimo gioco grazie a due vincenti di Sonego. Da quel momento gli Azzurri hanno controllato i propri game al servizio, portando a casa la vittoria.

Quanto ai match in singolare, nel primo incontro Matteo Arnaldi aveva perso in rimonta 6-7, 6-3, 7-6 contro Botic Van de Zandschulp in quasi tre ore di gioco. Il sanremese aveva anche avuto tre chance per prendersi la vittoria nel tiebreak decisivo, di cui una anche sul proprio servizio. Jannik Sinner invece aveva ristabilito la parità battendo 7-6, 6-1 numero 23 del ranking Atp Tallon Griekspoor in un’ora e 15 minuti. In semifinale la nazionale affronterà la vincente fra la Serbia di Novak Djokovic e la Gran Bretagna di Cameron Norrie.

Italia in semifinale di Coppa Davis. Decisivo il doppio vinto da Sinner e Sonego per 6-3, 6-4 contro Griekspoor e Koolhof.
Jannik Sinner e Lorenzo Sonego durante il match (Getty Images).

LEGGI ANCHE: Sinner e il 2023 da record: trofei, patrimonio e stipendio

Coppa Davis, gli altri incontri del tabellone

All’appello manca soltnato l’ultimo quarto di finale della Coppa Davis 2023 fra Serbia e Gran Bretagna. Il numero 1 al mondo Novak Djokovic, dopo la vittoria della ATP Finals di Torino, aveva aspramente criticato la decisione di giocare per il quarto anno consecutivo l’ultimo atto della competizione in Spagna. «Così è troppo», aveva spiegato Nole. «Si tratta di un torneo globale e le finali non dovrebbero giocarsi sempre nello stesso posto per più di un anno». Già definita invece l’altra semifinale del tabellone. Nei match giocati fra 21 e 22 novembre, Australia e Finlandia avevano rispettivamente sconfitto Repubblica Ceca e Canada. Sorprendente soprattutto l’eliminazione dei nordamericani campioni in carica, caduti in entrambi gli incontri di singolare senza riuscire a vincere nemmeno un set. Destino simile per gli australiani, con il solo Alex De Minaur capace di strappare un parziale agli avversari, prima di arrendersi però 2-1.