Le buone notizie del 28 marzo contro l’ansia da coronavirus

Redazione
28/03/2020

Il crollo dei nuovi ricoveri in Lombardia. In arrivo risorse per la solidarietà alimentare. I treni che tornano a Wuhan. Pillole di ottimismo quotidiane per affrontare l'angoscia da pandemia.

Le buone notizie del 28 marzo contro l’ansia da coronavirus

L’emergenza coronavirus è reale ed è giusto affrontarla, così come è giusto rispondere alla domanda di informazioni riguardanti l’interesse pubblico per definizione: la salute. Ma il sovraccarico di notizie genera spesso un allarmismo controproducente. Per questo, abbiamo deciso di cercare di placare il senso di ansia generalizzata con i fatti positivi legati alla pandemia che ogni giorno avvengono, ma nessuno nota. Un piccolo calmante per affrontare la crisi (passeggera). Clicca qui per le buone notizie del 29 marzo.

IL CROLLO DEI NUOVI RICOVERI IN LOMBARDIA

Continua la frenata dei nuovi ricoveri in Lombardia. In terapia intensiva ci sono 1.319 pazienti, ovvero 27 più di ieri, mentre i pazienti ospedalizzati non in terapia intensiva sono 11.152, 15 in più. A Milano i casi sono 7.783 con un aumento di 314 positivi, quindi in diminuzione rispetto ai 547 di ieri. Per affrontare lo “tsunami” coronavirus la Lombardia ha fatto uno «sforzo titanico», ha detto l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera in diretta Facebook, spiegando che i posti letto in terapia intensiva sono arrivati a 1.600 quindi con un aumento «del 110%».

IN ARRIVO RISORSE PER LA SOLIDARIETÀ ALIMENTARE

In arrivo, secondo quanto si apprende, una ordinanza di protezione civile, messa a punto insieme ai vari ministeri coinvolti, per dare più risorse ai Comuni per finanziare le iniziative di solidarietà alimentare. Proprio oggi il Banco alimentare ha spiegato che si sta registrando un forte aumento delle richieste a causa dell’emergenza.

I TRENI PASSEGGERI TORNANO A WUHAN

I primi treni passeggeri sono arrivati oggi a Wuhan, la città cinese primo epicentro del coronavirus, dopo un blocco di oltre due mesi. Per ora i viaggiatori sono autorizzati ad arrivare, ma non a lasciare la città di 11 milioni di abitanti, che dal gennaio scorso era stata isolata dal mondo.

LA RAMAZZOTTI PASSA DALL’AMARO AL DISINFETTANTE

Dall’amaro Ramazzotti al disinfettante per mani. La distilleria del famoso liquore ha iniziato a produrre nello stabilimento di Canelli, nell’Astigiano, il gel tanto prezioso in questi giorni di emergenza. Lo rende noto su Facebook la stessa azienda: «Ci siamo chiesti come dare una mano», si legge, «ed ecco la nostra risposta». «Le bottiglie saranno distribuite alla Croce Rossa Italiana, alla Protezione civile, ai Vigili del fuoco e alla municipale di Canelli», precisa il post, «con la speranza di tornare presto a dire #BellaLaVita».