Le buone notizie del 29 marzo contro l’ansia da coronavirus

Redazione
29/03/2020

L'arrivo dei medici dall'Albania, i test istantanei acquistati dal Veneto, un nuovo ospedale in Piemonte. Pillole di ottimismo quotidiane per affrontare l'angoscia da pandemia.

Le buone notizie del 29 marzo contro l’ansia da coronavirus

L’emergenza coronavirus è reale ed è giusto affrontarla, così come è giusto rispondere alla domanda di informazioni riguardanti l’interesse pubblico per definizione: la salute. Ma il sovraccarico di notizie genera spesso un allarmismo controproducente. Per questo, abbiamo deciso di cercare di placare il senso di ansia generalizzata con i fatti positivi legati alla pandemia che ogni giorno avvengono, ma nessuno nota. Un piccolo calmante per affrontare la crisi (passeggera). Clicca qui per le buone notizie del 30 marzo.

ARRIVATI I MEDICI DALL’ALBANIA

Sono arrivati a Verona i 30 operatori sanitari (10 medici e 20 infermieri) inviati dall’Albania. All’aeroporto Catullo erano presenti il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia. «Grazie», ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, pubblicando il video del premier albanese Edi Rama che, in italiano, annunciava l’invio del personale sanitario. Nel tweet del premier anche una immagine della bandiera albanese.

IL VENETO ACQUISTA 700 MILA TEST ISTANTANEI DALLA CINA

«Sembra che possiamo essere certi, o quasi certi, che dopo 4-5 giorni di sintomi il test rapido al Coronavirus ci dà già la risposta positiva». Lo ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia. Il Veneto, aggiunge, «ha comprato dalla Cina 700 mila test istantanei che arriveranno la prossima settimana». Zaia ha poi detto che il Veneto «è pronto a somministrare la clorichina a domicilio».

MASCHERINE E RESPIRATORI ALLE REGIONI

«Ieri tutte le regioni ci hanno confermato di aver ricevuto entro la giornata il materiale inviato dalla Protezione civile in mattinata». Lo ha detto il commissario Domenico Arcuri al termine della videoconferenza di questa mattina insieme a Protezione civile e alle regioni. «Ieri sono state consegnate 2,3 milioni di mascherine chirurgiche e 1,7 milioni di Ffp2 e Ffp3 per il personale sanitario. Nell’ultima settimana», si legge in una nota, «la media al giorno di mascherine consegnate alle regioni è stata di 3.59 milioni di pezzi, assegnati e consegnati altri 318 respiratori».

IN PIEMONTE APRE L’OSPEDALE DI VERDUNO

Diventa operativo il 30 marzo, in Piemonte, il nuovo ospedale di Verduno (Cuneo). Il governatore della Regione, Alberto Cirio, e l’assessore alla Sanità, Luigi Icardi, hanno fissato per il pomeriggio di domenica 29 marzo l’ultimo sopralluogo alla struttura che, dopo un cantiere di 15 anni, anticipa di qualche settimana l’apertura per far fronte all’emergenza coronavirus. Sono una trentina i posti letto subito disponibili, con la struttura che verrà implementata passo dopo passo. E sempre il 30 marzo dovrebbe iniziare l’allestimento del presidio sanitario all’interno delle Ogr, le Officine grandi riparazioni utilizzate negli ultimi anni come polo culturale.

COOP POTENZIA I BUONI PER LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ

Coop aderisce alla richiesta del governo e potenzia i buoni spesa per le famiglie in difficoltà. «Aderiamo alla richiesta avanzata dal governo e siamo disponibili a incrementare con un ulteriore sconto i buoni messi a disposizione dai Comuni per le famiglie in difficoltà economica», si legge in una nota del gruppo. «Chiediamo l’apertura di un tavolo di lavoro con i soggetti interessati dove definire misure applicative in tempi rapidi e omogenee su tutto il territorio nazionale». L’adesione immediata è stata manifestata attraverso una lettera indirizzata alla Presidenza del Consiglio, all’Anci e alla Protezione civile. Con la stessa lettera Coop manifesta appunto anche la volontà di incrementare con un ulteriore sconto i buoni che i Comuni metteranno a disposizione delle famiglie in difficoltà economica.