L’accusa degli atleti: Covid-19 a Wuhan già ai Mondiali militari di ottobre

Redazione
07/05/2020

Lo spadista italiano Tagliariol: «Eravamo tutti malati, ho avuto febbre e tosse per tre settimane e gli antibiotici non sono serviti a nulla».

L’accusa degli atleti: Covid-19  a Wuhan già ai Mondiali militari di ottobre

Ai Mondiali militari di Wuhan «ci siamo ammalati tutti, sei su sei nell’appartamento e moltissimi anche di altre delegazioni. Tanto che al presidio medico avevano quasi finito le scorte di medicine». Così Matteo Tagliariol, uno dei campioni della scherma azzurra racconta quanto accaduto lo scorso ottobre e il possibile contatto col coronavirus già allora. «Ho avuto febbre e tosse per tre settimane» – dice lo spadista azzurro – «e gli antibiotici non hanno fatto niente; poi è toccato a mio figlio e alla mia compagna. Non sono un medico, ma i sintomi sembrano quelli del Covid-19». Insomma, anche secondo le testimonianze di diversi altri atleti, già a ottobre scorso (18-27), il coronavirus potrebbe aver attecchito tra i 10 mila partecipanti ai Giochi mondiali militari nella città cinese focolaio del virus.