Coronavirus, fuga da Wuhan nel primo giorno post-lockdown: 65 mila in partenza

Redazione
08/04/2020

Dopo 76 giorni di isolamento, circa 55 mila cittadini prenderanno il treno per lasciare la città cinese. Più di 10 mila, invece, l'aereo. Ma sono esclusi i collegamenti internazionali e per Pechino.

Coronavirus, fuga da Wuhan nel primo giorno post-lockdown: 65 mila in partenza

A Wuhan inizia la grande fuga. Dopo 76 giorni di lockdown per fermare la diffusione di coronavirus, circa 65 mila persone hanno intenzione di lasciare la città cinese, epicentro dell’epidemia, nel primo giorno di “via libera”. Escludendo il trasporto su strada, in 55 mila prenderanno il treno, mentre più di 10 mila l’aereo con la riapertura del Wuhan Tianhe, lo scalo cittadino dove ci sono già oltre 200 voli in entrata e in uscita. Esclusi, per ora, i collegamenti internazionali e per Pechino. Chi andrà nella capitale, secondo i media locali, dovrà sottoporsi al test anti-Covid-19 sia a Wuhan, sia all’arrivo.

LEGGI ANCHE: L’Onu chiede di mettere al bando i wet market

62 NUOVI CASI IN CINA

Nello stesso giorno, però, la Cina ha registrato 62 nuovi casi di infezione da coronavirus, di cui 59 importati (saliti in totale a 1.042) e tre domestici in Shandong (2) e Guangdong (1). La Commissione sanitaria nazionale (Nhc) ha segnalato due nuovi decessi, di cui uno a Shanghai e uno nell’Hubei, la provincia di cui Wuhan, il focolaio della pandemia, è capoluogo. I contagi sono nel complesso 81.802, di cui 1.190 sotto trattamento, 3.333 decessi e 77.279 guariti. Sono 137 i nuovi asintomatici, di cui 102 importati, mentre sono 1.095 quelli sotto osservazione.