I dati sui contagi da coronavirus in Italia del primo aprile

Redazione
01/04/2020

Il trend è, tutto sommato, stazionario. Sono 111.574 i casti totali, di cui 80.572 attivi (+2.937), 16.847 guariti (+1.118) e 13.155 morti (+727). Mentre i malati in terapia intensiva sono 4.035.

I dati sui contagi da coronavirus in Italia del primo aprile

I numeri dell’ultimo bollettino della Protezione civile sull’emergenza coronavirus in Italia evidenziano come il trend è, tutto sommato, stazionario. I decessi sono in lieve calo: 727 nelle ultime 24 ore per un totale di 13.155. Invece salgono i casi attivi: 2.937 nuovi positivi che portano il numero complessivo a 80.572. Mentre è costante il numero delle persone guarite: 16.847 di cui 1.118 nell’ultimo giorno. I casi totali di Covid-19, quindi, aumentano a 110.574.

LEGGI ANCHE: La strage di Bergamo: morti quadruplicati rispetto alla media di marzo

Sono 4.035 i malati ricoverati in terapia intensiva, 12 in più rispetto a ieri. Di questi, 1.342 sono in Lombardia. Dei 80.572 malati complessivi, 28.403 sono poi ricoverati con sintomi e 48.134 sono quelli in isolamento domiciliare.

LEGGI ANCHE: La circolare del Viminale che fa infuriare la Lombardia

LOMBARDIA: 394 DECEDUTI IN 24 ORE

«Il dato dei deceduti lombardi» si mantiene costante lo ha detto l’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera in diretta Facebook spiegando che oggi sono stati 394 i morti, mentre sono in frenata i ricoveri. Sono 44.773 i positivi, 1565 più di ieri; 11.927 i ricoverati non in terapia intensiva (44 più di ieri) mentre 1.342 in terapia intensiva (+18). In totale sono stati eseguiti 121.449 tamponi.

LEGGI ANCHE: Le mascherine inviate ai medici non sono per uso sanitario

BORRELLI: «MASCHERE SBAGLIATE AI MEDICI? ERRORE LOGISTICO»

Il commissario Angelo Borrelli, durante la conferenza stampa, ha commentato anche le circa 600 mila mascherine ricevute il 31 marzo dagli Ordini dei medici provinciali in tutta Italia. «Le mascherine ai medici di base sono state distribuite per un errore logistico: erano state donate all’Italia dalla Cina, il carico era destinato alla collettività. Rimedieremo prontamente a rifornire i medici di base assieme al commissario Arcuri con le mascherine Ffp2».