Cos’è la franchigia bagaglio

Cos’è la franchigia bagaglio

22 Agosto 2015 08.39
Like me!

Quando ci si appresta a viaggiare in aereo vi
sono alcune regole importanti circa
il bagaglio che si porta con se. Le Compagnie
aeree, infatti, prevedono la cosiddetta franchigia
bagaglio
 che è un limite riguardante il peso e le
dimensioni dello stesso, oltre il quale può essere prevista una
tariffa extra. Per comprendere meglio, esiste una netta
distinzione fra bagaglio a mano e da stiva e per
entrambi è prevista una franchigia che segna i
suddetti limiti. In genere la franchigia
bagaglio
 varia a seconda della compagnia aerea, ma
comunque si parte da un minimo di 23 chilogrammi a valigia per la
stiva e da un massimo di 10 Kg. per quella a mano. Prima di
partire, dunque, è bene informarsi riguardo le tariffe che
eccedono il peso e le dimensioni limite del
proprio bagaglio, che vengono calcolate con
l’emissione del biglietto, tenendo presente che piccoli
oggetti, quali computer portatili, borsette da donna e simili
possono essere tenute a bordo senza doversi preoccupare di dover
pagare qualche extra. Fra le maggiori compagnie aeree, ne vengono
menzionate alcune che applicano la
seguente franchigia bagaglio:

  • Alitalia – bagaglio a mano consistente in un
    pezzo di peso max 8 Kg. e misure 55x35x25, bagaglio stiva
    massimo 1 pezzo di 23 Kg. e misure complessive pari a 158 cm.;
  • British Airways – per il bagaglio a mano max 23
    Kg. per 1 pezzo, una borsa da pc ed una borsa da donna, per
    quello da stiva 1 pezzo di 23 Kg. con dimensioni pari a
    190x75x65;
  • Lufthansa – bagaglio a mano 1 pezzo con
    dimensioni di 55x40x23 e peso di 8 Kg., bagaglio stiva 1 collo
    di 23 Kg. e dimensioni totali pari a 158 cm.

Oltre tali franchigie viene richiesto un
sovraprezzo, solitamente abbastanza esoso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *