Così il Prosecco danneggia l’ambiente e il territorio

Il riconoscimento Unesco è visto con preoccupazione dalle associazioni venete. Che denunciano da tempo l'inquinamento causato dai pesticidi e i danni della monocoltura intensiva.

14 Luglio 2019 15.00
Like me!

Il Consorzio di tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg scrive a Lettera43.it.

Non è tutto oro quello che frizza nelle bollicine del Prosecco, nonostante le colline trevigiane dove si produce il vino italiano più bevuto al mondo siano state incoronate il 7 luglio patrimonio dell’Unesco.

UN BUSINESS CHE PREOCCUPA GLI AMBIENTALISTI

Mentre i numeri Istat ripresi dalla Coldiretti parlano di un +25% di export relativo ai primi mesi dell’anno, e di un fatturato 2019 tendente al miliardo di euro sempre per quanto riguarda le vendite all’estero, c’è chi rimane quanto meno freddo, se non totalmente ostile, di fronte alla notizia del patrocinio Unesco, accolta invece con brindisi da parte del Consorzio di tutela del Valdobbiadene Conegliano Prosecco Docg, ente da cui era partita la candidatura, e dalla Regione Veneto, da sempre sponsor dell’iniziativa. Volti cupi e proteste appassionate si registrano al contrario dalle parti di associazioni come Legambiente, Marcia Stop Pesticidi, Wwf, Pesticides Action Network, già scese in campo contro la decisione dell’Unesco.

Alberti tagliati per fare spazio a nuovi vitigni.

LA METAMORFOSI DEL TERRITORIO

Due i principali capi di accusa rivolti ai fautori del «Prosecco innanzitutto», slogan attorno a cui ruota un indotto sempre più imponente della Marca trevigiana, attualmente esteso per oltre 23 mila ettari: uno è relativo ai danni ambientali provocati dai pesticidi impiegati per tutelare i vitigni di varietà Glera, dalle cui uve bianche si ottiene il Prosecco, e l’altro riguarda la profonda alterazione di un ambiente dove lo sviluppo a oltranza di questa monocoltura vitivinicola finisce con lo spianare colline, cancellare prati, obbligare specie animali a migrazioni forzate. Conseguenze inevitabili se si pensa che questi 23 mila ettari occupati dalle viti del Prosecco sono un’enormità evidenziata dal distacco nettissimo rispetto ai 14 mila ettari del secondo vino più diffuso, il Chianti, ma anche se si mettono a fuoco i 466 milioni di bottiglie dichiarate dal consorzio di tutela solo per il 2018, con l’obiettivo del mezzo miliardo nel mirino, soprattutto dopo questa benedizione giunta dall’Unesco.

Il consigliere regionale veneto Andrea Zanoni in un’area destinata alla coltivazione del vitigno del Prosecco.

L’UNESCO NON GARANTISCE LA TUTELA DELL’AREA

«Bellissimo nome, Unesco, ma è servito a proteggere Venezia dalle due navi da crociera che, nel giro di un mese, hanno rischiato di provocare una catastrofe?», sbotta Andrea Zanoni, 53 anni, trevigiano di Paese, consigliere regionale del Pd con solido pedigree di ambientalista. E continua: «Se il titolo di patrimonio dell’umanità non riesce a cambiare la rotta delle grandi navi, temo che altrettanto poco possa fare per la tutela di un ecosistema pregiato come quello della Marca trevigiana. Lo sostengo a ragion veduta, abitando in un comune, Paese, dove le viti di Prosecco sono arrivate da pochi anni, nel nome di un business che scatena comprensibilmente gli appetiti dei viticoltori».

INSETTI, RONDINI E PASSERI SCOMPARSI

Da quando sono state introdotte queste coltivazioni, continua Zanoni, «a Paese ho visto con i miei occhi scomparire le rondini e molte varietà di passeri, mentre apprendo dagli addetti ai lavori che continuano a diminuire le varietà di insetti impollinatori, fondamentali per lo sviluppo della flora locale. E, tanto per dare un’ultima nota ambientale, so che i cacciatori tengono lontani i cani dalle viti del prosecco perché, annusando quei pesticidi, si rovinano il fiuto».

Uno sbancamento per coltivare le viti del Prosecco.

I 30 CASI DENUNCIATI DI INQUINAMENTO IDRICO

Sono osservazioni dirette che hanno indotto lo stesso Zanoni a compiere più di un’indagine sul territorio, culminate nel dossier alla base di una sua interrogazione presentata nel 2018 a proposito di 30 casi di inquinamento idrico censiti nel territorio trevigiano, e riconducibili alla monocoltura del Prosecco, con relativo uso intensivo di pesticidi. Fra gli addetti ai lavori citati dal consigliere regionale un ruolo di rilievo compete agli apicoltori, la cui professione viene messa seriamente a repentaglio dall’avanzata delle viti di Prosecco.

IL DRAMMA DEGLI APICOLTORI

«Il mio caso credo sia emblematico», racconta l’apicoltore Ernesto Moz, «dato che una quindicina di anni fa, all’annuncio della nascita di un parco attorno ai laghi di Revine, acquistai un terreno in quella zona e lo strutturai per l’apicoltura, contando di inserirmi in un ecosistema ideale per ottenere il miele». Nulla di più sbagliato. Perché, molto prima del parco, «arrivarono le viti del Prosecco e, solo nel 2011, persi 60 alveari su 200, totalmente distrutti dai pesticidi. Fortunatamente avevo i mezzi per rivalermi in tribunale, fino a ottenere il risarcimento dovuto dal viticoltore, mentre tanti altri miei colleghi, non avendo risorse per reagire, sono stati costretti a tacere, e magari a chiudere la propria attività».

Una vista della Valdobbiadene, territorio di Prosecco.

SALUTE A RISCHIO

Tutti questi numeri e molti di questi umori danno linfa al corposo dossier che una quarantina di associazioni ambientaliste presentò nel 2017 all’Unesco per contrastare la candidatura delle colline del Prosecco a patrimonio dell’umanità. Loro ideale testimonial è Milva Foltran, 55 anni, affetta da sensibilità chimica multipla, rara sindrome invalidante al 100%, a causa della quale deve restare lontana da qualsiasi prodotto chimico. Ragione per cui nel 2018, è stata costretta ad abbandonare la città in cui abitava, Pordenone, per trasferirsi a Torch, località di Pieve d’Alpago appositamente scelta per un clima pulito che effettivamente, nei primi mesi, le portò giovamento. Finché, come da lei stessa dichiarato pubblicamente, non sono spuntati anche qui i primi vigneti, facendo tristemente peggiorare le sue condizioni di salute.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *