Caso Cospito, Delmastro rinviato a giudizio

Redazione
29/11/2023

Il sottosegretario alla Giustizia è accusato di rivelazione del segreto d'ufficio. L'avvocato Giuseppe Valentino, ha commentato: «Confidavamo in una decisione diversa perché c'erano tutti i presupposti per una sentenza di non luogo a procedere».

Caso Cospito, Delmastro rinviato a giudizio

Il gup di Roma ha rinviato a giudizio Andrea Delmastro, nell’ambito del procedimento in cui è accusato di rivelazione del segreto d’ufficio in relazione alla vicenda dell’anarchico Alfredo Cospito. Il sottosegretario alla Giustizia andrà a processo e si partirà con la prima udienza il 12 marzo prossimo. L’avvocato di Delmastro, Giuseppe Valentino, ha commentato: «Confidavamo in una decisione diversa perché c’erano tutti i presupposti per una sentenza di non luogo a procedere». Il 6 luglio scorso il gip di Roma ha disposto l’imputazione coatta per il sottosegretario.

L’inchiesta partita dopo le parole di Donzelli

Tutto è iniziato il 31 gennaio. Durante la discussione alla Camera sull’istituzione della commissione Antimafia, il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli ha fatto riferimento alla visita di alcuni parlamentari del Partito democratico all’anarchico Cospito, in regime di 41 bis, sulla base di documenti teoricamente secretati. In quell’occasione ha dichiarato: «Il 12 gennaio 2023, mentre parlava con i mafiosi, Cospito incontrava anche i parlamentari Serracchiani, Verini, Lai e Orlando. Andavano a incoraggiarlo nella battaglia. Allora voglio sapere, presidente, se questa sinistra sta dalla parte dello Stato o dei terroristi con la mafia». Da lì l’esposto presentato dal deputato dei Verdi Angelo Bonelli e l’apertura delle indagini sulle «intercettazioni ambientali del Dap tra esponenti della ‘ndrangheta e della camorrista con Alfredo Cospito» rese pubbliche in aula da Donzelli. E poi la decisione del gip a luglio.

Caso Cospito, Delmastro rinviato a giudizio
Il sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro (ANSA).

Delmastro a luglio: «Nessun segreto è stato violato»

Dopo l’imputazione coatta, Delmastro ha dichiarato: «Prendo atto della scelta del Gip di Roma che, contrariamente alla procura, ha ritenuto necessario un approfondimento della vicenda giuridica che mi riguarda. Avrò modo, davanti al giudice per l’udienza preliminare di insistere per il non luogo a procedere per insussistenza dell’elemento oggettivo, oltre che di quello soggettivo. Sono fiducioso che la vicenda si concluderà positivamente, convinto che alcun segreto sia stato violato, sia sotto il profilo oggettivo che sotto il profilo soggettivo». Sulla questione si è pronunciato il sottosegretario all’Attuazione del programma Giovanbattista Fazzolari: «È inconsueto un rinvio a giudizio quando il pubblico ministero chiede il non luogo a procedere. Sono certo che Delmastro riuscirà a dimostrare l’infondatezza dell’accusa che gli viene mossa».