Covid, Boris Johnson durante l’inchiesta pubblica sulla pandemia in Uk: «Dovevamo agire prima»

Redazione
06/12/2023

L'ex premier: «Le scene che arrivavano dall’Italia mi fecero rabbrividire, ma non agimmo subito». Fuori dal palazzo delle udienze hanno protestato centinaia di parenti delle vittime e decine di No Vax.

Covid, Boris Johnson durante l’inchiesta pubblica sulla pandemia in Uk: «Dovevamo agire prima»

Boris Johnson, durante l’interrogatorio nell’inchiesta pubblica sul Covid nel Regno Unito, ha ammesso i ritardi del governo britannico nella gestione della pandemia. L’ex primo ministro ha dichiarato: «Le scene che arrivavano dall’Italia mi fecero rabbrividire, ma non agimmo subito. Ora, se ripenso con orrore a quei giorni in cui siamo sembrati così inermi, dico che avremmo dovuto scuoterci prima». Il riferimento è alle immagini che hanno fatto il giro del mondo, tra il febbraio e il marzo 2020, in cui è stato immortalato un lungo convoglio dell’esercito che trasportava le centinaia di bare dei morti per il virus.

Covid, Boris Johnson durante l'inchiesta pubblica sulla pandemia in Uk «Dovevamo agire prima»
I parenti delle vittime durante l’interrogatorio fuori dal palazzo (Getty Images).

Johnson si è scusato «per il dolore e le perdite causate dalla pandemia»

A Johnson è stato contestato di aver preso la decisione di andare in lockdown almeno due settimane dopo rispetto a quando avrebbe dovuto. All’epoca lo stesso Johnson ha scritto: «Non bisogna reagire in maniera sproporzionata, sarebbe il nostro più grande errore». Quasi quattro anni più tardi ha ammesso l’errore, forse costato centinaia di morti. L’ex primo ministro ha dichiarato in aula di «aver sottovalutato il problema anche per l’esperienza con l’influenza suina anni prima». Poi le scuse ai connazionali «per il dolore, le perdite e le sofferenze causate durante la pandemia».

Fuori dal palazzo delle udienze hanno protestato anche i No Vax

L’ex premier britannico sarà ascoltato anche giovedì 7 dicembre. Le sue parole hanno generato molte proteste tanto all’interno dell’aula quanto fuori dal palazzo delle udienze. Presenti molti parenti delle vittime, che hanno esposto cartelli contro il vecchio governo. Ma ci sono stati anche decine di No Vax. Quest’ultimi hanno accusato Boris Johnson «di aver ucciso con i suoi vaccini». Tra gli errori di cui ha parlato l’ex leader, c’è anche quello di non aver sospeso «le manifestazioni sportive a rischio, come il festival ippico di Cheltenham e la partita Liverpool-Atletico Madrid».

Covid, Boris Johnson durante l'inchiesta pubblica sulla pandemia in Uk «Dovevamo agire prima»
La protesta dei No Vax (Getty Images).