Il gruppo Crai si ritira dalla vendita di mascherine chirurgiche

Redazione
29/04/2020

La decisione dopo che il governo ha fissato a il prezzo dei dispositivi a 50 centesimi. «Un valore inferiore al loro costo di acquisto».

Il gruppo Crai si ritira dalla vendita di mascherine chirurgiche

Il Gruppo Crai ha annunciato che «si vede costretto a ritirare dalla vendita» dai suoi negozi,, «le mascherine chirurgiche» a causa del prezzo imposto massimo di 50 centesimi. «Siamo nell’impossibilità», si afferma in un comunicato, «di vendere le mascherine a un prezzo inferiore al loro costo di acquisto. Confidiamo che il governo voglia risolvere al più presto tale situazione in modo da consentirci di riprendere la vendita delle mascherine in questione». Al gruppo fanno capo le insegne Crai, Pellicano, Caddy’s, IperSoap, Pilato, Proshop, Risparmio Casa, Saponi e Profumi, Shuki e Smoll.