Croazia: morto un turista italiano, si sospetta una intossicazione

L'uomo si è sentito male, ha perso i sensi e ha battuto la testa. Malesseri anche per il resto della comitiva. Si ipotizza anche un avvelenamento causato da gas di scarico dell'imbarcazione sulla quale si trovavano. Indaga la magistratura.

13 Agosto 2019 19.00
Like me!

Un turista italiano, Eugenio Vinci, è morto il 13 agosto a Hvar, in Croazia. L’uomo, 57 anni, avrebbe battuto la testa dopo aver perso i sensi a causa di malori forse causati da una intossicazione. In un primo momento si era pensato a una intossicazione alimentare, mentre col passare delle ore si sta facendo strada l’ipotesi di una intossicazione da gas del water o causata dal condizionatore. Due bambini della comitiva, figli di Vinci, sono ricoverati in condizioni stabili all’ospedale di Spalato. La dinamica dell’accaduto non è ancora chiara. Martedì mattina alle 10 da una imbarcazione noleggiata, come riportato dalla stampa croata, è stata lanciata una richiesta urgente di aiuto al porto di Hvar: a bordo era morto un uomo.

I MALORI DURANTE LA NOTTE POI LO SVENIMENTO

Come ricostruito, la sera prima la famiglia dell’uomo e gli amici originari di Sant’Agata di Militello in provincia di Messina, avevano cenato in un noto ristorante di Hvar a base di frutti di mare e molluschi. Durante la notte tutti hanno iniziato a lamentare malori gastrointestinali. «Dopo aver mangiato ci siamo sentiti male tutti», ha raccontato il sindaco di Sant’Agata di Militello Bruno Mancuso in vacanza insieme con la vittima e la sua famiglia, «forse per un’intossicazione dovuta al gas del caicco o un’intossicazione alimentare. Non sappiamo bene cosa sia accaduto solo che stavamo tutti male. Alcuni di noi si sono ripresi presto, purtroppo il mio amico ha perso i sensi e battuto la testa. Gravi anche due bambini, siamo qui in ospedale e speriamo che le loro condizioni migliorino nelle prossime ore. Sul caso stanno indagando le autorità locali e speriamo si faccia chiarezza, qualcosa di più certo la sapremo dopo l’autopsia sul corpo del povero Eugenio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *