Csm, pratica per De Pasquale il 9 febbraio

Redazione
20/01/2011

Il Csm evita la paralisi sulla pratica a tutela del Pm di Milano, Fabio De Pasquale, sulla quale mercoledì 19...

Csm, pratica per De Pasquale il 9 febbraio

Il Csm evita la paralisi sulla pratica a tutela del Pm di Milano, Fabio De Pasquale, sulla quale mercoledì 19 gennaio i laici di Pdl e Lega avevano fatto mancare il numero legale, uscendo dall’aula.
Dopo una mattinata di trattative e dopo un dibattito in plenum sulla questione si è raggiunto l’accordo: il voto sul documento è stato rinviato al 9 febbraio, con l’impegno dei laici a garantire il numero legale e del resto dei consiglieri a trattare con sollecitudine la questione delle modifiche alle pratiche a tutela.
La decisione è passata con il consenso quasi unanime dei consiglieri: solo il laico della Lega Matteo Brigandì ha votato contro.
IL COMMENTO DI VIETTI Il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, ha detto: «Apprezzo il senso di responsabilità istituzionale manifestato da alcuni componenti laici eletti dal parlamento che ha consentito di uscire dall’empasse. La pratica a tutela sarà trattata concordemente con l’assicurazione da parte dei laici che sarà garantito il numero legale e con l’impegno che nel frattempo la Seconda commissione affronterà con sollecitudine l’articolo del regolamento del Csm che disciplina le pratiche a tutela». Vietti ha detto di avere «assoluta fiducia nell’impegno e nella lealtà di laici della maggioranza che hanno assicurato che non faranno mancare il numero legale sulla pratica a tutela di De Pasquale».