Russia, il video della dacia segreta di Putin in Carelia

Redazione
29/01/2024

Lo ha pubblicato il gruppo investigativo Dossier Center, fondato dall'oppositore Mikhail Khodorkovsky. Il complesso, a una trentina di chilometri dalla Finlandia, ha una cascata, due eliporti e, forse, anche un sistema di difesa aerea. Nelle vicinanze anche una villa di proprietà di Abramovich.

Russia, il video della dacia segreta di Putin in Carelia

I giornalisti di Dossier Center hanno pubblicato un video che mostrerebbe la “dacia segreta” di Vladimir Putin in Carelia, sulle sponde del lago Ladoga, il più grande specchio d’acqua dolce d’Europa, a una trentina di chilometri dal confine con la Finlandia. Si tratterebbe del filmato più dettagliato mai realizzato di una residenza dello zar.

Quattro chilometri quadrati: abbastanza per garantire la giusta privacy allo zar

Come ha ricostruito Dossier Center, gruppo investigativo con sede a Londra finanziato dall’oppositore russo Mikhail Khodorkovsky, all’inizio degli anni 2010 il terreno era adibito a campeggio. Poi è passata di mano dopo una visita delle autorità giudiziarie, cosa tutt’altro che inusuale nella Russia di Putin. Dopo essere diventato proprietà di Yuri Kovalchuk, amico del presidente della Federazione Russa, il terreno è entrato a far parte delle riserva nazionale ed è diventato off-limits. Ufficialmente l’area ha una superficie di circa un chilometro quadrato, ma considerando che non è possibile addentrarsi nelle foreste e baie circostanti, in realtà arriva a quattro chilometri quadrati: abbastanza per garantire la giusta privacy allo zar.

Russia, il video della dacia segreta di Putin in Carelia. Lo ha pubblicato il gruppo investigativo Dossier Center.
Vladimir Putin (Getty Images).

Dalla cascata ai due eliporti, cosa è stato costruito sulle sponde del lago Ladoga

Su questo terreno sono state costruite tre strutture, in stile moderno. Il complesso comprende inoltre uno stabilimento balneare, una fattoria con mucche, due eliporti, una cascata, un allevamento di trote, e un molo per l’attracco di yacht. Dossier Center segnala poi la presenza di una sorta di tumulo accanto a una delle strutture: i giornalisti suggeriscono che potrebbe presto ospitare (se non lo sta già facendo) il sistema di difesa aerea Pantsir, allo scopo di proteggere il presidente russo da possibili attacchi.

A pochi chilometri c’è un complesso dell’oligarca Abramovich, ex proprietario del Chelsea

Dal 2020, aggiunge Dossier Center, a quattro chilometri dalla “dacia segreta” di Putin sorge un altro complesso, composto da una villa, uno stabilimento balneare, un eliporto e un molo, di proprietà dell’oligarca Roman Abramovich, ex proprietario del Chelsea. Putin, ricorda il gruppo investigativo, aveva già una residenza presidenziale ufficiale in Carelia, ubicata nel villaggio di Shuiskaya Chupa: il Cremlino la vendette all’asta nel 2011 alla holding Severstal di Alexei Mordashov.