Daghestan, assalto a un aereo proveniente da Israele: 60 arresti

Redazione
30/10/2023

È successo all'aeroporto di Makhachkala, capitale della regione russa. I manifestanti hanno circondato il mezzo atterrato da Tel Aviv urlando slogan antisemiti e sventolando bandiere palestinesi. Condanna degli Usa.

Daghestan, assalto a un aereo proveniente da Israele: 60 arresti

Nella serata di domenica 29 ottobre 2023 centinaia di persone hanno fatto irruzione nell’aeroporto di Makhachkala, la capitale della regione del Daghestan, in Russia, con l’intenzione di cercare i passeggeri israeliani in arrivo su un volo da Tel Aviv.

 

Più di 150 manifestanti identificati e 60 arresti

Secondo quanto riportato dai media russi, i manifestanti si sono precipitati sul campo di atterraggio per circondare l’aereo di linea russo Red Wings arrivato da Israele. Sempre secondo i media, alcuni cantavano slogan antisemiti mentre altri hanno cercato di esaminare i passaporti dei passeggeri in arrivo nel tentativo di identificare gli israeliani. Alcuni video circolati sui social media mostrano dei manifestanti con la bandiera palestinese avvicinarsi all’aereo fermo sulla pista di atterraggio gridando “Allah Akbar”, mentre un operatore aeroportuale dice loro che ormai tutti i passeggeri sono stati fatti sbarcare e che quindi l’aereo è vuoto. Varie agenzie di stampa hanno riportato che più di 20 persone sono rimaste ferite, ma l’ambasciatore israeliano in Russia Alexander Ben Zvi e il quotidiano The times of Israel hanno smentito la notizia. Diversi invece gli arresti. «Più di 150 partecipanti attivi ai disordini sono stati identificati, e 60 di loro sono stati arrestati», ha riferito l’ufficio stampa del ministero degli Interni russo in un comunicato.

Netanyahu: «Le forze russe tutelino sicurezza di ebrei e israeliani»

In una dichiarazione rilasciata domenica sera, l’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che Israele «si aspetta che le forze dell’ordine russe tutelino la sicurezza di tutti i cittadini israeliani e degli ebrei ovunque si trovino, e agiscano con risolutezza contro i rivoltosi e contro l’incitamento selvaggio diretto contro di essi». L’ufficio di Netanyahu ha aggiunto che l’ambasciatore israeliano in Russia sta lavorando per mantenere al sicuro israeliani ed ebrei. Pur esprimendo sostegno ai palestinesi di Gaza, il governo regionale del Daghestan, a maggioranza musulmana, ha fatto appello ai cittadini affinché mantengano la calma e non prendano parte a tali proteste. Anche gli Stati Uniti hanno condannato quanto accaduto. «Condanniamo fermamente le proteste antisemite in Daghestan», ha scritto in una nota Adrienne Watson, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca.