La polemica nel Pd dopo l’endorsement di D’Alema a Zingaretti

30 Gennaio 2019 12.48
Like me!

Le primarie del 3 marzo del Pd rischiano di essere l'occasione per un'ulteriore frammentazione in un partito già in crisi d'identità: è bastatato l'endorsement di un vecchio leader come Massimo D'Alema per aprire subito la polemica. «Speriamo che il congresso dia a Zingaretti la forza di aprire un nuovo corso politico. Credo che se c'è una svolta nel Pd si possa riaprire anche una prospettiva di dialogo a sinistra. Auspico che la nuova leadership del Pd riprenda l'ispirazione unitaria in vista delle Europee. Non vedo una prospettiva del centrosinistra se non riprende vita il Pd. Naturalmente dovrà avere il coraggio di una riflessione critica su questi anni», ha detto l'ex premier in un'intervista alla Stampa in cui auspica una svolta radicale in Europa. In merito al manifesto europeista di Carlo Calenda, «apprezzo l'intenzione di Calenda, ma non è sufficientemente chiaro: il discrimine deve essere il cambiamento», ha detto D'Alema. «Non spetta a lui decidere con chi si deve alleare il Pd, c'è un congresso e non mi sembra che si sia candidato».

ATTACCHI DA GIACHETTI, MARCUCCI E SCALFAROTTO

Le Europee «sono un'occasione per rimettere in campo un grande schieramento progressista che dica: abbiamo capito, avete ragione ad essere arrabbiati, ma l'arroccamento nazionalistico che offre il governo è la risposta sbagliata», ha dichiarato D'Alema. Ma per ora sembrano l'occasione per dividersi ancora di più. «Per una volta voglio ringraziare Massimo D'Alema perché con la sua intervista ha chiarito, al di là di reticenze e ipocrisie, il loro progetto e la vera posta in gioco alle #primariePD. Se vince Zingaretti tornano loro e torna la ditta, se vinciamo noi no. #sempreavanti», ha scritto in un Tweet Roberto Giachetti, candidato alla segreteria del Partito democratico.

«D'Alema sostiene con forza Zingaretti. È un endorsement che rende tutto abbastanza chiaro. Abbiamo bisogno di futuro, non di un'altra ditta dieci anni dopo», ha twittato il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *