Il Traditore di Bellocchio trionfa ai David di Donatello

Redazione
09/05/2020

Edizione in lockdown, con i protagonisti collegati da casa. Bellocchio e Favino fanno incetta di premi. Miglior film straniero Parasite. Mentre gli spettatori premiano Ficarra e Picone.

Il Traditore di Bellocchio trionfa ai David di Donatello

Marco Bellocchio con il suo Il Traditore, interpretato da Pierfrancesco Favino, ha trionfato alla 65esima edizione dei David di Donatello.

Una edizione che ha dovuto necessariamente fare i conti con la pandemia. La premiazione condotta da Carlo Conti in uno studio vuoto ha visto gli artisti in lizza collegati online da casa.

Il Traditore, film sulla vita di Tommaso Buscetta, si è aggiudicato il premio al miglior Film e alla miglior sceneggiatura originale (Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella, Francesco Piccolo). Bellocchio è stato premiato come miglior regista, Favino come miglior attore protagonista, Luigi Lo Cascio come miglior attore non protagonista.

Ecco tutti gli altri vincitori:

Miglior regista esordiente: Phaim Bhuiyan per il film Bangla.

Migliore sceneggiatura non originale: Maurizio Braucci, Pietro Marcello per Martin Eden.

Miglior produttore: Andrea Paris e Matteo Rovere per Groenlandia Rai Cinema, Gapbusters, Roman Citizen per Il primo re.

Miglior attrice protagonista: Jasmine Trinca per La dea Fortuna.

Migliore attrice non protagonista: Valeria Golino per 5 è il numero perfetto.

Migliore autore della fotografia: Daniele Cirpì per Il primo re.

Miglior musicista: L’orchestra di Piazza Vittorio per Il flauto magico di Piazza Vittorio.

Miglior canzone originale: Che vita Meravigliosa di Diodato per La dea fortuna.

Miglior scenografo: Dimitri Capuani per Pinocchio.

Miglior costumista: Massimo Cantini Parrini per Pinocchio.

Miglior truccatore: Dalia Colli e Mark Coulier per Pinocchio.

Miglior acconciatore: Francesco Pegoretti per Pinocchio.

Miglior montatore: Francesca Calvelli per Il Traditore.

Miglior suono: Angelo Bonanni, Davide D’Onofrio, Mirko Perri, Mauro Eusepi, Michele Mazzucco per Il primo re.

Miglior film straniero: Il premio Oscar Parasite di Bong Hoon Ho.

Migliori effetti visivi: Theo Demiris e Rodolfo Migliari per Pinocchio.

Miglior documentario: Selfie di Agostino Ferrente.

Miglior cortometraggio: Inverno di Giulio Mastromauro.

David dello spettatore:  Il primo Natale di Ficarra e Picone.

David speciale 2020: Franca Valeri.