Intelligenza artificiale, Accredia: «Il controllo sarà cruciale»

Enrico Filotico
14/12/2023

Massimo De Felice, presidente dell'Ente unico italiano per l'accreditamento, ha sottolineato la necessità di un sistema di monitoraggio e ricordato le criticità legate alla nuova tecnologia a partire dalla protezione dei dati.

Intelligenza artificiale, Accredia: «Il controllo sarà cruciale»

Il futuro dell’intelligenza artificiale passa dai controlli. Ecco perché è necessario ogni Paese abbia un sistema di monitoraggio, effettuato a opera di un ente specializzato. Per l’Italia è il caso di Accredia. In un’intervista rilasciata all’Ansa il numero dell’ente, Massimo De Felice, ha spiegato le nuove esigenze che sono emerse a seguito dello sviluppo dell’Ia. «Dovranno essere rilasciate certificazioni da parte di organismi che, a loro volta, devono essere accreditati», ha dichiarato, chiarendo come «l’intervento di un organismo terzo e indipendente» possa dare «maggiori garanzie di affidabilità e sicurezza». Il presidente di Accredia ha sottolineato inoltre che l’ente «già assolve a questo ruolo in altri ambiti, attraverso convenzioni con sei ministeri che affidano il compito di accreditare organismi di certificazione, o laboratori, in quei settori dove la sicurezza di prodotti o processi è particolarmente necessaria».

LEGGI ANCHE: AI Act, l’Ue si dota della prima legge al mondo che regolamenta l’intelligenza artificiale

De Felice: «La protezione dei dati sarà cruciale»

De Felice ha ricordato che già «il Piano Industria 4.0 con l’impulso alla digitalizzazione dei processi, ha obbligato le imprese a dotarsi di verifiche rilasciate da organismi di ispezione accreditati». Ecco perché, l’ente sta sostenendo un programma di ricerca, in collaborazione con il Consorzio interuniversitario nazionale per l’informatica (Cini), per creare un osservatorio che sarà presentato nel 2024. Tra le criticità del’Ia c’è la cybersecurity: «La protezione dei dati sarà cruciale», ha sottolineato De Felice. Senza dimenticare l’importanza della formazione: «I nostri progetti di ricerca sono impostati anche per fornire contenuti, e stile didattico, ai corsi gestiti con l’Accredia Academy».