Negli Usa nuova inchiesta su Deutsche Bank per la truffa del fondo 1MDB

Redazione

Negli Usa nuova inchiesta su Deutsche Bank per la truffa del fondo 1MDB

Dal fondo di investimento della Malesia sono stati sotrattatti 4,5 miliardi di dollari in cinque anni. Uno scandalo in cui potrebbe essere coinvolto un dirigente dell'istituto di Francoforte. Che replica: «Stiamo collaborando, ci hanno ingannati».

11 Luglio 2019 15.37
Like me!

Un’altra inchiesta, l’ennesima su Deutsche Bank. Secondo l’agenzia americana Bloomberg il ministero della giustizia americana ha aperto una nuova indagine sul colosso tedesco che ha annunciato in questi giorni la più grande ristrutturazione della sua storia – 18 mila esuberi – dopo essere stata al centro di una lunga serie di scandali e truffe bancarie negli anni della crisi. Deutsche risulta oggi coinvolta nella più ampia indagine che il governo americano sta conducendo sul fondo di investimento statale della Malaysia 1MDB, dal quale sono stati sottratti, stando alla giustizia Usa, ben 4,5 miliardi di dollari, in cinque anni, tra il 2009 e il 2014. Una storia di corruzione multimiliardaria e globalizzata, in cui ora è spuntato anche l’istituto di credito di Francoforte.

UN BANCHIERE IN COMUNE CON GOLDMAN SACHS

L’altra grande banca di investimento coinvolta negli affari del fondo malese è Goldman Sachs. In particolare la lente degli inquirenti è concentrata su un dirigente di Goldman poi passato a Deutsche, spiega Bloomberg citando una fonte che ha chiesto di rimanere nell’anonimato. Per ora, precisa l’agenzia, non ci sono accuse specifiche: «L’inchiesta mira a determinare se Deutsche Bank potrebbe aver violato le leggi sulla corruzione o contro il riciclaggio di denaro in quanto ha aiutato 1MDB a raccogliere 1,2 miliardi di dollari nel 2014», aveva anticipato il Wall Street Journal che ha ipotizzato il banchiere nel mirino degli inquirenti sia Tan Boon-Kee, ora dirigente di un gruppo assicurativo di HongKong dopo aver lasciato DB nel 2018.

DB STA COLLABORANDO CON GLI INQUIRENTI

La banca ha fatto sapere a Bloomberg tramite posta elettronica di stare collaborando con gli investigatori, riportando alcuni documenti in cui la stessa banca accusava il fondo malese di averla ingannata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *