Samuele Cafasso

Di Maio criticato su Facebook per l'accordo Ilva

Di Maio criticato su Facebook per l’accordo Ilva

06 Settembre 2018 14.00
Like me!

Il giorno del maggior successo politico da quando è al governo del ministro dello Sviluppo economico e del lavoro Luigi Di Maioriconosciuto come tale anche dal suo predecessore Carlo Calenda – per una ironia della sorte che spiega però molto dei meccanismi che regolano il consenso del Movimento cinque stelle è anche uno dei giorni in cui il ministro è più criticato sui social network. L'accordo raggiunto su Ilva è obbiettivamente migliorativo di quello che era riuscito a strappare il governo Gentiloni: garantisce un maggior numero di lavoratori e accelera il piano di ambientalizzazione degli impianti, consentendo una riduzione dell'impatto su Taranto più veloce. Però non era quello che Di Maio aveva promesso in campagna elettorale: come raccontato da Lettera43, i candidati sul territorio (poi eletti) avevano promesso la chiusura dell'altoforno e quindi della produzione a caldo, la parte più inquinante della lavorazione dell'acciaio ma indispensabile per la realizzazione di quel "ciclo integrato" (cioè dalla materia prima fino al lavorato) che rende la fabbrica competitiva.

All’Ilva hanno votato M5s, che vuole chiudere le acciaierie: e ora?

Politica Boom grillino tra gli operai, sindacati in tilt: “Adesso ci chiedono cosa sarà della fabbrica. L’alternativa verde non è praticabile”. Mentre il governo uscente stoppa l’incontro con la nuova proprietà. Lo stallo. “Ma non è che adesso l’acciaieria la chiudono davvero?”.

Succede così che sotto la diretta video pubblicata su Facebook in cui Di Maio, prudentemente, parla del «miglior risultato possibile nelle peggiori condizioni possibili», accando ai complimenti per il risultato raggiunto, con annesso sberleffo a Calenda, compaiano numerosi i commenti critici e di rabbia, soprattutto da parte di cittadini pugliesi. «Di Maio vieni a Taranto che ti aspetto a braccia aperte ….traditore», scrive Angelo Calderaro nei commenti. Sul suo profilo è ancora più duro: «Di Maio sei peggio degli altri». Sante Chirulli, foto del profilo incorniciata dal simbolo dei cinque stelle e la scritta «Bye bye vitalizi»: «Gigi questa volta hai sbagliato, dovevamo chiudere il MOSTRO, la gente muore per colpa dell'inquinamento. Mi hai deluso!!!». Giovanni Polito, tarantino: «I bambini di Taranto ringraziano. Resterai nella storia come 13esimo decreto salva Ilva. Sei complice del #Pd. Vergogna». Si potrebbe andare avanti. Ripetiamo, non sono tutti i commenti, ce ne sono molti anche positivi. Però in questo caso le critiche arrivano non da oppositori, ma da persone evidentemente vicine (fino a oggi), al Movimento. Anna Rita Faella: «Hai tradito il mandato dei tarantini, ci avete dato una coltellata al cuore???? ASSASSINI come i governi precedenti. CHE DELUSIONE!». Nel suo profilo, un commento ancora più duro e una frase che dice molto del sentimento attuale di chi ha votato i pentastellati a Taranto: «Potete andare tutti a F A N C U L O , io mi ci sono mandata da sola».

È da marzo che aspetto, sono stata zitta e leggevo commenti che mi facevano incazzare, se avessi risposto avrei dovuto…

Geplaatst door Anna Rita Faella op Donderdag 6 september 2018

Il paradosso del M5s di governo è tutto qui: sull'intesa per Taranto sono arrivati i complimenti di parte dell'opposizione, dei rappresentanti dei lavoratori, di Federacciai, di ArcelorMittal che parla di azienda «più forte e più pulita». Ma fuori dai palazzi, qualsiasi cosa ciò voglia dire nella stagione del populismo imperante, per Di Maio i fischi si sovrappongono agli applausi e questa non è una giornata da incorniciare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *