Redazione

Per l'Ue i russi hanno cercato di influenzare le elezioni europee

Per l’Ue i russi hanno cercato di influenzare le elezioni europee

La Commissione dice di avere le prove di attività di disinformazione. Ma non identifica le fonti. Il rapporto.

14 Giugno 2019 14.13

Like me!

Le autorità europee sostengono di avere accertato attività di disinformazione prolungate nel tempo e portate avanti da non meglio identificate fonti russe in occasione delle elezioni europee del maggio scorso. È quanto si rileva dal rapporto sulla lotta alla disinformazione reso noto venerdì 14 giugno dalla Commissione europea.

OBIETTIVO: CONTENERE L’AFFLUENZA E INFLUENZARE GLI ELETTORI

Secondo quanto si legge nel documento, «le prove raccolte» nel quadro delle azioni condotte per monitorare il fenomeno «hanno rivelato una prolungata e sostenuta attività di disinformazione condotta da fonti russe». Fonti che non è stato possibile identificare in maniera più precisa. Questa attività, secondo il report, era «finalizzata a contenere l’affluenza alle urne e influenzare le preferenze dei votanti».

LA TASK FORCE MESSA IN CAMPO DALL’UNIONE EUROPEA

Inoltre, grazie all’attività dell’apposita task force messa in campo dal Servizio per l’azione esterna dell’Ue, è stato registrato «un trend importante di personaggi in malafede che hanno utilizzato la disinformazione per sostenere punti di vista estremisti e polarizzare i dibattiti locali». E questo anche attraverso «attacchi ingiustificati all’Ue». «Personaggi politici nazionali», si legge ancora nel documento, «spesso hanno adottato le stesse tattiche e narrative per attaccare l’Unione europea e i suoi valori».

PUTIN: «I SOVRANISTI? NON SONO FILO-RUSSI»

Il 6 giugno, nel corso del suo intervento al forum di San Pietroburgo, il presidente russo Vladimir Putin aveva affrontato il tema dei sovranismi, dicendo: «Non sono filo-russi ma pro-tedeschi, pro-ungheresi o pro-italiani: noi non abbiamo nulla a che fare con loro». Nessuna ingerenza con gli affari europei, dunque, come del resto non c’è stata nessuna interferenza da parte della Russia negli Usa. Anzi. «Se volete, sono semplicemente forze che vedono nelle buone relazioni con noi un ritorno sia per gli interessi nazionali che quelli europei». La Russia è sotto sanzioni Ue per l’annessione della Crimea con un’invasione militare perpetrata nel 2014 da uomini delle forze speciali di Mosca senza insegne di riconoscimento e per il sostegno ai miliziani separatisti del Donbass.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *