Distretto Brera, il nuovo orizzonte della ristorazione milanese in cui investe Leonardo Maria Del Vecchio

Redazione
13/12/2023

TSF Holding ha inaugurato la Trattoria del Ciumbia, che si affianca a VESTA e CASA Fiori Chiari. Tre brand distinti, un laboratorio high tech e tre tradizioni di cucina italiana che cambiano la prospettiva di clienti, chef e investitori. Fatturato, sinergia e qualità le chiavi del business che hanno convinto l'investitore di maggioranza LMDV Capital.

Distretto Brera, il nuovo orizzonte della ristorazione milanese in cui investe Leonardo Maria Del Vecchio

I milanesi sono tornati a popolare via Fiori Chiari, strada simbolo di Brera, dimostrando che la ristorazione genuina e di qualità può mettere d’accordo sia i residenti che i visitatori di quello che è considerato l’unico, vero centro storico di Milano. «Un’idea di business che cambia la prospettiva sull’impatto che la ristorazione può avere sul tessuto urbano, sulla qualità di vita dei lavoratori e sul ritorno che possono aspettarsi gli investitori. È la scommessa vinta da TSF Holding che ha recentemente inaugurato il terzo ristorante, la Trattoria del Ciumbia, in via Fiori Chiari, che si affianca al VESTA e all’omonimo CASA Fiori Chiari», ha dichiarato il ceo Davide Ciancio.

Tre ristoranti aperti dalle 12 all’1 che non si fanno concorrenza ma si integrano 

La nuova idea è un distretto della ristorazione di alto livello, con tre realtà completamente diverse ma che sono collegate da un pensiero comune. «Trattoria del Ciumbia si dedicherà alla cucina lombarda, VESTA è specializzata nella tradizione della cucina di pesce, CASA Fiori Chiari offre una cucina filopartenopea che esalta pizza, pasta e pomodoro. Tutti utilizzeranno un unico laboratorio (il TSF Lab), 150 metri quadrati che fungono da centrale di acquisto e da struttura specializzata per pasticceria, pane, e pulizia del pesce fresco che arriva ogni giorno e viene consegnato, già abbattuto e sottovuoto, nelle cucine dei ristoranti». Un’organizzazione che garantisce il massimo dell’efficienza e dell’igiene per le lavorazioni più delicate. I ristoranti sono aperti dalle 12.00 all’1.00 di notte, sette giorni su sette, 365 giorni all’anno (Casa Fiori Chiari con 500 coperti al giorno) o 362 per il Vesta (chiuso il 26 dicembre e l’1 e 2 gennaio). Una soluzione che «ci permette di avere coperti soprattutto nell’orario tra le 15.00 e le 18.00, accogliendo sia il pranzo tardivo di culture come quella spagnola sia la cena anticipata del mondo anglosassone e nordeuropeo». E che consente ai dipendenti (150 con la Trattoria del Ciumbia) di godere dei turni pieni e non spezzati. «Un’altra scommessa», ha concluso Ciancio, «è stato capire che tre ristoranti affiancati di alto livello non si sarebbero fatti concorrenza, ma avrebbero allargato il mercato creando un distretto capace di attirare il nostro target e fissarsi nell’immaginario, un po’ come hanno fatto altri settori in città, a partire dalla moda: il pubblico sa che c’è una zona dedicata alla sua passione nella quale può trovare diversi stili e retailer».

LMDV Capital: «I primi due ristoranti superano il milione di euro al mese di fatturato»

Sono state queste le intuizioni di mercato che hanno convinto l’investitore di maggioranza, Leonardo Maria del Vecchio Capital (che gestisce il 78 per cento di Triple Food) a sostenere un progetto innovativo che ha portato ad aprire tre ristoranti nell’arco di 14 mesi. «Il fatturato dei primi due ristoranti supera il milione di euro al mese, in proporzione uno dei più alti del settore in Italia», ha spiegato Marco Talarico, ceo di LMDV Capital, «e CASA Fiori Chiari raggiungerà break-even prima ancora che sia passato un anno dall’inaugurazione, il VESTA entro due anni. Risultati fuori dall’ordinario che dimostrano la vitalità del settore per chi porta investimenti a forte contenuto di innovazione. LMDV Capital, family office del chief strategist di EssilorLuxottica Leonardo Maria Del Vecchio è uno di questi attori, un investitore istituzionale che si caratterizza per un ampio e diversificato portafoglio». Recentemente, per esempio, LMDV Capital ha annunciato la sua partecipazione nel lancio di Boem, bevanda giovanile gassosa a basso contenuto calorico e bassa gradazione alcolica che vede la partecipazione dei due artisti Fedez e Lazza sia come testimonial che partner dell’iniziativa.