Donna sgozzata e trovata dai figli

Redazione
16/10/2010

La gola sgozzata, il corpo martoriato da coltellate, riverso nel sangue nel bagno di casa. Così è stata ritrovata la...

Donna sgozzata e trovata dai figli

La gola sgozzata, il corpo martoriato da coltellate, riverso nel sangue nel bagno di casa. Così è stata ritrovata la mattina del 16 ottobre ad Albissola Marina (Savona) Kamila Lisadorska, polacca di 30 anni. La macabra scoperta è stata fatta dai due figli piccoli, quattro e sei anni, che urlando hanno fatto scattare l’allarme dei vicini. Messo sotto torchio dagli inquirenti, il compagno della vittima ha subito confessato l’omicidio.
Secondo quanto risulta dai primi accertamenti del medico legale, la donna potrebbe essere stata uccisa poche ore prima del rinvenimento del cadavere, alle 8 di mattina. I vicini hanno raccontato di aver udito una lite tra la donna e un uomo nella notte, intorno alle 3.
In questura era stato convocato nella giornata l’impresario Roberto Pallotta, ex marito della Lysadorska, dichiarato subito estraneo alla vicenda. Pallotta ha precisato di abitare lontano da Albissola, fuori dalla provincia di Savona e ha fatto sapere che ora penserà solo ai due figlioletti.
I sospetti si erano subito concentrati su Niccolò Walter Vivado, dipendente di una ditta specializzata nella pulizia dei treni, che aveva una relazione con la donna uccisa. La sera prima dell’omicidio, il 15 ottobre, alcuni testimoni hanno raccontato di aver visto l’uomo, ubriaco, proprio ad Albissola Marina.