Educazione sessuale nelle scuole, il leghista Sasso definisce la proposta «una porcheria»

Redazione
26/10/2023

Dopo le parole del deputato, le opposizioni protestano: «La Preistoria è finita 4 mila anni fa». E Fratelli d'Italia con Ciro Maschio spacca la maggioranza: «Mi dissocio completamente dall'intervento del collega».

Educazione sessuale nelle scuole, il leghista Sasso definisce la proposta «una porcheria»

Alla Camera si sta discutendo la proposta di legge sulla violenza di genere. Tra le norme previste, ci sarebbe anche l’introduzione dell’educazione affettiva e sessuale nelle scuole, a partire già dalla scuola materna. L’emendamento porta la firma del Movimento 5 stelle ed è stato condiviso dal centrosinistra. Ma il tema ha generato non poche polemiche durante il dibattito dopo che il leghista Rossano Sasso ha definito «una porcheria» la proposta, attaccandola e dichiarando che bisognerà «fare muro».

Sasso: «Faremo muro contro questa nefandezza»

Il deputato della Lega Rossano Sasso ha dichiarato: «Vorrei dire alla sinistra e in particolare al M5S che fino a fine legislatura noi faremo muro contro quella che definisco una nefandezza. Il 25 settembre dello scorso anno abbiamo vinto noi le elezioni e legiferiamo noi. Voi potete decidere se votare insieme a noi ma non inserendo l’educazione sessuale». E poi ha concluso con un attacco diretto: «Se il Pd, le sinistre i 5 Stelle intendono fare educazione sessuali liberi di farlo nelle loro sedi di partito. Vediamo quanti mamma e papà porteranno lì i loro figli».

La risposta delle opposizioni: «Preistoria finita 4 mila anni fa»

Immediate le reazioni dei partiti di centrosinistra. Angelo Bonelli, deputato di Avs e portavoce di Europa Verde, ha criticato il collega leghista: «Definire un emendamento una nefandezza è inaccettabile. Non siamo a Kabul ma nella Repubblica italiana. Sasso ci riporterà all’oscurantismo». E lo stesso ha fatto Anna Laura Orrico del M5s: «Se c’è una cosa degradante in Italia, è che nel nostro Paese l’89 per cento dei nostri ragazzi imparino che cosa sia il sesso da YouPorn. Le famiglie non possono essere lasciate sole. La Preistoria è finita 4 mila anni fa».

Fratelli d’Italia spacca la maggioranza, Maschio si dissocia

Non tutto il centrodestra è d’accordo. Fratelli d’Italia spacca la maggioranza con le parole di Ciro Maschio, che ha raccolto anche gli applausi delle opposizioni. «Mi dissocio completamente dall’intervento del collega Sasso, come presidente di commissione e come relatore del provvedimento», ha dichiarato. E ha proseguito: «Ritengo fuori luogo come sono stati apostrofati e commentati i legittimi emendamenti delle opposizioni e rivolgo un appello a non cadere nelle provocazioni e non vanificare il lavoro fatto». Infine l’appello a «deporre le armi del confronto acceso in aula».

Educazione sessuale nelle scuole, scontro alla Camera Sasso definisce la proposta «una porcheria»
Ciro Maschio (Imagoeconomica).