Le elezioni regionali 2019 in Abruzzo in diretta

Le elezioni regionali 2019 in Abruzzo in diretta

10 Febbraio 2019 06.00
Like me!

Urne chiuse in Abruzzo per le elezioni regionali che si sono svolte domenica 10 febbraio. Il candidato di centrodestra Marco Marsilio ha raccolto il 48,03% dei voti, staccando il candidato del centrosinistra allargato Giovanni Legnini, fermo al 31,28%. Il M5s è finito terzo con il 20,20% dei voti. Le due province che hanno premiato più di tutte il centrodestra sono state L'Aquila e Teramo: qui la coalizione ha superato agevolmente la soglia del 50% (all'Aquila addirittura al 53,6%). Rispetto al totale regionale, Legnini meglio nelle province dell'Aquila e Chieti, pentastellati castigati a Teramo e L'Aquila al 18% e al 13,2%.

LEGGI ANCHE: Cosa ci hanno detto le elezioni regionali in Abruzzo

Nella notte il lungo abbraccio tra Marco Marsilio, nuovo presidente della Regione Abruzzo, e la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, al comitato, a Pescara, aveva sancito il successo di FdI, che si avvia così a guidare la prima regione nella sua storia. «Con questa squadra daremo un futuro all'Abruzzo come meritano gli abruzzesi. Ringrazio tutti i partiti della coalizione con cui abbiamo fatto un lavoro straordinario», ha detto il neo presidente. Ma è tutto il centrodestra che esulta per il risultato. «Cresce la Lega, cresce FdI, cresce un'idea nuova e diversa del centrodestra che speriamo possa far riflettere sulle prossime elezioni politiche nazionali», ha detto Giorgia Meloni, supportata da Silvio Berlusconi che ha affermato «i miei complimenti e i miei auguri a Marco Marsilio e a tutti i militanti e gli eletti abruzzesi di FI. Il loro è un grande successo che apre una pagina nuova per l'Abruzzo ed è un momento importante per il futuro del centro-destra e della politica italiana. L'Abruzzo lo ha confermato ancora una volta, il centro-destra è la maggioranza naturale fra gli elettori». Gongola ovviamente Matteo Salvini: «Grazie Abruzzo! Grazie Italia. Più forti degli attacchi, delle bugie e delle polemiche: da domani al lavoro!». – «Siamo oltre il 30%, vorrei ricordare che l'anno scorso il centrosinistra in Abruzzo compreso Leu ha conseguito un risultato del 17,6%, abbiamo avuto 10 punti in più ma non è stato sufficiente. Si tratta di un punto di partenza per il centrosinistra, io penso che questa formula di un centrosinistra allargato e popolare sia la formula giusta e ripartire da oltre il 30%, ottenuto in due mesi, mi sembra un risultato importante». Così a sua volta Giovanni Legnini, mentre la candidata dei 5S Sara Marcozzi attacca: «Non è la sconfitta del M5s ma della democrazia. Noi abbiamo tenuto rispetto alle precedenti regionali, altri hanno fatto grandi ammucchiate come hanno potuto vedere gli abruzzesi».

In Abruzzo, alle ultime elezioni politiche, proprio il M5s aveva conquistato alla Camera il 39,8% dei voti. E la candidata presidente dei pentastellati, Sara Marcozzi, aveva ostentato una certa sicurezza: «Noi corriamo per il primo posto». I numeri, tuttavia, l'hanno seccamente smentita. La Lega ha mollato per l'occasione il partner di governo, ma non ha imposto un proprio candidato. Marsilio, infatti, è espressione di Fratelli d'Italia, con cui è stato eletto al Senato nel 2018. Il centrosinistra ha schierato Giovanni Legnini, ex vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura. A chiudere la corsa il candidato di Casapound, l'avvocato Stefano Flajani, che si è fermato allo 0,8%.

AFFLUENZA DEFINITIVA AL 52,6%

Alle urne sono stati chiamati 1 milione 211 mila elettori, di cui 591.635 uomini e 619.569 donne. Hanno votato per la prima volta, al compimento del 18esimo anno d'età, 11.730 persone. Secondo i dati del ministero dell'Interno, l'affluenza definitiva è stata del 52,6%. Un netto calo rispetto alla tornata precedente, quando aveva votato il 61,5% degli aventi diritto.

1.59 – LA SODDISFAZIONE DI MELONI

Secondo la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni «è una giornata storica per Fratelli d'Italia e siamo entusiasti di aver espresso il primo presidente di Fdi per il centrodestra. Quella di Marsilio è stata una candidatura vincente, convincente e unificante. Ora proporremo per l'Abruzzo un modello di governo valido anche a livello nazionale».

1.08 – LUNGO ABBRACCIO TRA MARSILIO E MELONI

Lungo abbraccio tra Marco Marsilio, nuovo presidente della Regione Abruzzo, e la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, al comitato, a Pescara.

1.05 – BERLUSCONI FESTEGGIA LA VITTORIA DEL CENTRODESTRA

«I miei complimenti e i miei auguri a Marco Marsilio e a tutti i militanti e gli eletti abruzzesi di Forza Italia. Il loro è un grande successo che apre una pagina nuova per l'Abruzzo ed è un momento importante per il futuro del centrodestra e della politica italiana. L'Abruzzo lo ha confermato ancora una volta, il centrodestra è la maggioranza naturale fra gli elettori». Così il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi.

00.03 – PRIME PROIEZIONI SWG: MARSILIO AL 48,9%, MARCOZZI AL 21,1%

È arrivata la prima proiezione dell'istituto Swg per La7. Marco Marsilio, candidato del centrodestra per le elezioni in Abruzzo, è in testa allo scrutinio 48,9%. Alle sue spalle il candidato del centrosinistra Giovanni Legnini col 28,7%. Terza Sara Marcozzi con il 21,1%. Stefano Flajani di Casapound all'1,2% Il dato si riferisce a una copertura del campione del 7%.

23.03 – SEGGI CHIUSI, MARSILIO IN VANTAGGIO SECONDO GLI INSTANT POLL

I seggi in Abruzzo si sono chiusi alle 23. Non sono disponibili exit poll, ma secondo gli instant poll (intenzioni di voto) diffusi dalla Rai in testa c'è il candidato di centrodestra Marco Marsilio con il 41-45%, seguito da Giovanni Legnini (centrosinistra) con il 30-34%. Solo terza Sara Marcozzi del M5s, con una fobrice compresa tra il 22 e il 26%.

19.20 – ALLE 19 AFFLUENZA AL 42,93%

È stata del 43% l'affluenza alle urne per le elezioni regionali in Abruzzo fino alle ore 19. Nelle precedenti consultazioni era stata del 45,10%. Il dato è diffuso sul portale Eligendo. Questa la percentuale di affluenza al voto provincia per provincia (tra parentesi le percentuali relative alle precedenti elezioni regionali, maggio 2014): Chieti 40,46% (42,77%), L'Aquila 44,56% (40,68%), Pescara 43,98% (47,55%), Teramo 43,96% (50,33%).

18.19 – MARTINA: «MINISTRO DELL'INTERNO CALPESTA LE REGOLE»

«Il ministro dell'Interno invece di garantire lo svolgimento corretto delle elezioni regionali continua a calpestare le regole per fare propaganda per il suo partito. Per lui il rispetto delle norme ormai è un optional». Così il deputato e candidato alla segreteria del Pd Maurizio Martina su Matteo Salvini che ha twittato nel giorno di silenzio elettorale.

15.03 – MELONI: «MARGINI PER RICOSTRUIRE IL CENTRODESTRA»

Con le elezioni in Abruzzo, «ci sono i margini per lavorare a una ricostruzione della nostra metà campo, quella del centrodestra», ha detto la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, a margine della cerimonia alla Foiba di Basovizza (Trieste) nel Giorno del Ricordo. «Guardiamo con grande interesse al risultato dell'Abruzzo dove c'è un centrodestra a guida Fratelli d'Italia», ha aggiunto Meloni, «e quindi un centrodestra che da' garanzie di non fare accordi né col Pd, né col M5s».

14.39 – SALVINI: «L'ALLENZA DI GOVERNO RESTA QUESTA»

Matteo Salvini, rispondendo a chi gli chiedeva un commento sulle elezioni in Abruzzo, ha detto che «le elezioni in Abruzzo cambiano la vita agli abruzzesi. A Roma non cambia nulla, a Milano non cambia nulla, a Trieste non cambia nulla, a Palermo non cambia nulla. L'alleanza di governo resta questa e questa rimane».

12.50 – SALVINI ROMPE IL SILENZIO ELETTORALE

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini rompe il silenzio elettorale con un tweet: «Chi non va a votare ha già perso, libertà è partecipazione! #elezioniAbruzzo #Abruzzo #oggivotoLega». Immediata la replica di Nicola Zingaretti, candidato alle primarie del Pd: «Salvini viola la legge elettorale facendo propaganda. Pensano al partito distruggendo l'Italia. L'arroganza e l'incapacità al potere. Iniziamo a mandarli a casa».

12.00 – AFFLUENZA AL 13,42%

È stata del 13,42% l'affluenza alle urne per le elezioni regionali in Abruzzo fino alle ore 12. Nelle precedenti consultazioni del 2014 era stata del 15,92%. Il dato è diffuso sul portale Eligendo. A livello provinciale, a Chieti nei 104 comuni l'affluenza è del 13,17% (su 15,48% delle precedenti regionali del 2014); a L'Aquila nei 108 comuni del 13,01% (13,13% precedenti); a Pescara nei 46 comuni del 14,13% (17,57% precedenti) a Teramo nei 47 comuni del 13,45% (17,64% precedenti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *