Eleonora Lorusso

Chi sono i candidati dei partiti italiani alle Europee 2019

Chi sono i candidati dei partiti italiani alle Europee 2019

I leghisti schierano l'euroscettico Rinaldi, il M5s Nogarin e Giarrusso. Per il Pd c'è Calenda, ma anche la carica degli uscenti. E poi la Sinistra, Fdi, +Europa ed Europa Verde. I nomi tra cui scegliere il 26 maggio. 

14 Maggio 2019 14.40

Like me!

Sono in tutto 73 i deputati che l’Italia andrà ad eleggere alle Europee del 26 maggio, scesi rispetto ai 76 previsti per la partecipazione anche del Regno Unito, dopo la proroga sulla Brexit. Saranno ripartiti su base territoriale: 20 nella circoscrizione del Nord-est (la più numerosa), 14 al Nord-ovest e altrettanti al Centro, 17 al Sud e 8 nelle Isole. Ciascun candidato può presentarsi in un solo Paese dell'Ue. In Italia l'età minima per candidarsi è 25 anni. Ecco i nomi di chi aspira a un seggio nell'assemblea di Strasburgo.

1. DA RINALDI A CIOCCA: CHI SONO I CANDIDATI DELLA LEGA DI SALVINI

Il capolista per la Lega è Matteo Salvini. Il segretario del Carroccio, vicepremier e ministro dell’Interno è il primo nome in tutte le circoscrizioni. Il partito, che nella scorsa legislatura europea faceva parte del gruppo Europa delle Nazioni e della Libertà, ha puntato la campagna elettorale su messi fortemente sovranisti e si presenta con candidati che provengono per lo più dalle amministrazioni locali, con pochi nomi noti. Tra questi c’è Antonio Rinaldi, candidato nella circoscrizione Centro: economista, è anche un opinionista noto per le sue apparizioni nei talk show televisivi. Tra gli eurodeputati uscenti riproposti ci sono Angelo Ciocca, Danilo Oscar Lancini (entrambi Circoscrizione Nord-Ovest), Marco Zanni (eletto con il Movimento 5 Stelle e passato alla Lega nel 2017, è stato anch’egli inserito nella lista dei candidati della circoscrizione Nord-ovest) Mara Bizzotto (circoscrizione Nord-est). Escluso, invece, Mario Borghezio, rimasto fortemente deluso dalla decisione. Secondo i sondaggi delle scorse settimane, la Lega potrebbe aumentare i propri rappresentanti arrivando anche a 28.

LEGGI ANCHE: Chi sono i candidati della Lega alle Elezioni europee

2. DA NOGARIN A GIARRUSSO: LE LISTE DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE

Per le Europee 2019 il M5S ha puntato su volti femminili: sono donne, infatti, 5 delle capolista ed esattamente Maria Angela Danzì (già segretario generale e direttore generale dei Comuni di Genova e Novara e della provincia di Varese, circoscrizione Nord Ovest), Sabrina Pignedoli (autrice del libro Operazione Aemilia sulle infiltrazioni della 'ndrangheta nel Nord, circoscrizione Nord Est), Daniela Rondinelli (membro del gabinetto di presidenza del Comitato economico e sociale europeo, circoscrizione Centro), Chiara Maria Gemma (professore associato in Didattica e Pedagogia speciale all'Università di Bari 'Aldo Moro', circoscrizione Sud) e Alessandra Todde (ad di Olidata, prima società europea quotata che si occupa completamente dell'internet of things, Circoscrizione Isole). Nessuna rappresenta un nome noto, come la maggior parte di quelli presenti nelle liste. Tra gli aspiranti eurodeputati figura però anche Filippo Nogarin, sindaco di Livorno per cinque anni, che ha deciso di non ripresentarsi nella corsa alla carica di primo cittadino alle amministrative di maggio, per puntare invece a Bruxelles, presentandosi nella circoscrizione Centro. Altro nome noto è quello dell’ex “Iena” Dino Giarrusso (circoscrizione Isole). Tra i candidati uscenti sono stati riconfermati anche Fabio Massimo Castaldo e Ignazio Corrao. Il M5S fa parte del gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta.

LEGGI ANCHE: Chi sono i candidati M5S per le Europee

3. DA CALENDA ALLA PICIERNO: I POCHI VOLTI NUOVI E I TANTI USCENTI DEL PD

Il Partito Democratico si presenta alle Europee come parte del gruppo dell'Alleanza progressista dei socialisti e democratici. Nelle circoscrizioni italiane è presente con un unico simbolo insieme alla lista Siamo europei di Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo Economico nel governo Renzi. La scorsa legislatura gli eurodeputati del Pd erano 31, ma le previsioni danno un calo considerevole. Capolista nella circoscrizione del Nord Ovest è Giuliano Pisapia, già sindaco di Milano, parlamentare e avvocato. Tra gli altri ex amministratori locali c’è anche Mercedes Bresso, ex governatrice della Regione Piemonte. Capolista nel Nord Est è invece proprio Carlo Calenda, ma nell'elenco dei candidati in questa circoscrizione figurano anche Paolo De Castro, europarlamentare uscente e docente universitario (che aveva annunciato di non volersi ricandidare, per poi cambiare idea) e l'ex ministra Cécile Kyenge. Per il Centro Simona Bonafè è il primo nome in lista, seguito da quello di un altro eurodeputato e capogruppo uscente come l’ex volto del Tg1 David Sassoli. Nella Circoscrizione Sud capolista è Franco Roberti, seguito da Pina Picierno e Andrea Cozzolino, mentre per le Isole tra i candidati c’è Caterina Chinnici, figlia del giudice Rocco, ucciso dalla mafia e anche il medico di Lampedusa Pietro Bartolo, presente anche nelle liste del Centro.

LEGGI ANCHE: Chi sono i candidati del Pd alle Elezioni europee

4. DA PIVETTI A MUSSOLINI: I CANDIDATI DELLA FORZA ITALIA DI TAJANI

Silvio Berlusconi, nonostante i recenti problemi di salute, ha confermato la volontà di guidare le liste di Forza Italia in tutte le circoscrizioni, tranne il Centro, dove è candidato Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo uscente. Forza Italia fa parte del PPE, il Partito Popolare europeo e nella scorsa legislatura aveva 11 rappresentanti che potrebbero, secondo i sondaggi, ridursi. Tra i candidati figurano nomi noti come Giusy Versace (Nord-ovest), atleta paralimpica e volto tv che si è poi impegnata in politica; Irene Pivetti, eletta deputata tra le fila della Lega, ex presidente della Camera nel 1994, poi passata all'Udeur prima di abbandonare la politica per darsi alla tv e al giornalismo e ora candidata nella circoscrizione Nord Est. Per il Centro, dopo il capolista Antonio Tajani, si trova Alessandra Mussolini, presente anche nelle liste del Sud insieme al candidato ed europarlamentare uscente Fulvio Martusciello. Non è candidata, invece, Mara Carfagna: a dispetto delle previsioni della vigilia e nonostante la sua disponibilità, la vicepresidente della Camera non è stata scelta come candidata anche se ha affermato di volersi impegnare nella stessa misura.

LEGGI ANCHE: Chi sono i candidati di Forza Italia alle elezioni europee

5. DA TARADASH A PHILIPPE DAVERIO: LE LISTE DI +EUROPA CON PIZZAROTTI

La formazione, che ha in Emma Bonino uno dei suoi maggiori rappresentanti, è al suo debutto alle elezioni europee. È frutto dell'unione tra +Europa, già presente alle consultazioni politiche del 2018, e Italia in Comune, movimento fondato dal Sindaco di Parma Federico Pizzarotti, ex Movimento 5 Stelle con si era consumata una drastica frattura. Alla vigilia del voto +Europa ha fatto sapere che, se vedrà eletti propri rappresentanti, entrerà a far parte del gruppo Alde, la stessa Alleanza dei democratici e dei liberali per l'Europa a cui ha deciso di aderire il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron. La stessa Emma Bonino è in corsa come rappresentante di Alde per la presidenza della Commissione europea insieme a Margrethe Vestager (ex Commissaria Ue), una dei sette aspiranti alla carica per il gruppo, che ha deciso di non avere un unico nome per la successione a Jean Claude Juncker. In Italia Bonino è capolista per il Centro, davanti a Marco Taradash (politico e giornalista con un passato radicale). Il segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova, ex eurodeputato e già militante del Partito Radicale è capolista nella circoscrizione Nord-ovest;a Nord Est troviamo invece Federico Pizzarotti e Philippe Daverio, storico, critico, già assessore alla Cultura del comune di Milano. Per la circoscrizione Sud l'ex rettore dell'università di Salerno Raimondo Pasquino è capolista, mentre la radicale Silvia Manzi è presente in tutte le circoscrizioni, nonostante provenga da Torino, dove si è distinta per le sue battaglie a favore dell’integrazione degli immigrati e dell’accoglienza nel quartiere Barriera di Milano, una delle periferie con la più alta percentuale di stranieri.

6. FITTO, SANTANCHÉ E IL PRONIPOTE DI MUSSOLINI: I CANDIDATI DI FDI

Il partito di Giorgia Meloni si presenta alle Europee 2019 con l'obiettivo di conquistare qualche seggio all’Europarlamento, dove nel 2014 non era riuscito a entrare. Fdi, se supererà lo sbarramento e otterrà posti all'assemblea di Strasburgo, farà parte del gruppo dei Conservatori e riformisti europei (Ecr), lo stesso a cui appartiene il partito Tory della premier britannica Theresa May, la formazione polacca Pis (al governo), quella tedesca di estrema destra Afd e quella romena M10. Molto scalpore ha fatto l’annuncio della candidatura di Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del dittatore ed ex ufficiale della Marina militare. Ma non si tratta dell’unico nome noto nelle liste di Fratelli d’Italia: anche Francesco Alberoni, sociologo, giornalista, scrittore, docente ed ex rettore dello Iulm di Milano, la Libera università di lingue e comunicazione. Giorgia Meloni figura come capolista in tutte le circoscrizioni. Dopo di lei, al Nord Ovest, si trova il nome proprio di Alberoni. Nella stessa lista anche Daniela Santanchè e Roberto Rosso, politico piemontese con un passato nelle amministrazioni regionali e già deputato eletto con Forza Italia/Pdl. Nella circoscrizione di Nord Est figura anche Elisabetta Gardini (dopo la rottura con Forza Italia), mentre in quella di Centro si trova Luca Romagnoli, con un passato nella Fiamma Tricolore-Msi, docente universitario e sostenitore della Destra Sociale. Nella lista per il Sud si candida l'ex governatore pugliese ed ex forzista Raffaele Fitto, insieme a Caio Mussolini, mentre in quella delle Isole c'è Raffaele Stancanelli, avvocato ed ex sindaco di Catania.

LEGGI ANCHE: Chi sono i candidati di Fdi alle elezioni europee

7. MINEO, FORENZA, CERVI: I CANDIDATI DI PARTITI E MOVIMENTI PER LA SINISTRA

Si tratta di una lista che racchiude in sé i principali partiti della sinistra radicale: Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana, Convergenza Socialista, Partito del Sud, Trasform! Italia («spazio di riflessione e di iniziativa antiliberista e antisovranista per la costruzione di una sinistra politica in Europa») e Altra Europa con Tsipras. Nelle liste delle varie circoscrizioni figurano nomi noti della politica e del giornalismo, come quello di Corradino Mineo, ma anche new entry dal cognome illustre, come nel caso di Silvia Prodi, nipote dell’ex presidente del Consiglio italiano e ex consigliera regionale della regione Emilia Romagna. L'obiettivo della formazione è quello di superare il quorum del 4%. Prodi candidata del Nord Est è una dei cinque capolista proprio come Mineo, passato dalla Rai al Pd al gruppo misto e infine a Sinistra italiana per cui è candidato nelle Isole. Per il Nord Ovest invece c'è Eleonora Cirant, attivista del movimento femminista Nonunadimeno, mentre Marilena Grassadonia, presidente dell’associazione famiglie Arcobaleno, è prima nella circoscrizione Centro e l'europarlamentare uscente e dirigente nazionale di Rifondazione comunista, Eleonora Forenza, guida la lista al Sud. Tra gli altri aspiranti europarlamentari ci sono anche Paolo Narcisi, medico e presidente di Opencooperazione, impegnato nel soccorso ai migranti; Ginevra Bompiani, editrice della casa omonima; Adelmo Cervi, scrittore e figlio di uno dei sette fratelli Cervi, fucilati dai fascisti al poligono di tiro di Reggio Emilia il 28 dicembre del 1943.

LEGGI ANCHE: Chi sono i candidati di Europa Verde

8. DA BONELLI A CORRADO: I CANDIDATI DI EUROPA VERDE

Costituita da Federazione dei Verdi e Possibile, il movimento fondato da Pippo Civati, la formazione si riconosce nel Partito Verde Europeo e ha scelto come slogan parole che rievocano quelle dell'attivista 16enne svedese Greta Thunberg: «Non c'è un pianeta B, non c'è una lista B». L’obiettivo dichiarato è quello di avere un'Europa «ecologista, europeista, solidale, femminista». Tra i nomi di spicco si trovano quello dello stesso Civati, ma al nono posto nella lista della circoscrizione di Nord Ovest, e quello di Angelo Bonelli, presidente proprio dei Verdi. Capolista per la circoscrizione Sud è Eliana Baldo, ambientalista di Taranto, figura di spicco nelle battaglie ecologiste e ambientaliste riguardo all'Ilva e avvocato di parte nel processo «Ambiente svenduto» causato proprio dall'industria che si trova nella città pugliese, difensore delle vittime dell'inquinamento dell'impianto. Capolista nel Nord Ovest è Elena Eva Maria Grandi, assessore al Verde comune di Milano; per la circoscrizione di Nord Est il primo nome è quello di Silvia Zamboni, lecturer presso il dipartimento di Management e tecnologia dell'Università Bocconi. A guidare la lista per il Centro è Annalisa Corrado, ingegnere meccanico, co-portavoce di Green Italia, con esperienza nel campo delle fonti rinnovabili, efficienza energetica e gestione dei rifiuti. Infine, nella circoscrizione Isole capolista è Nadia Spallitta, avvocato cassazionista di Palermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *