Le elezioni europee 2019 in diretta

Le elezioni europee 2019 in diretta

In Italia la Lega vede il 30%, sorpasso del Pd sul M5s. In Francia in testa il partito di Le Pen. In Germania cedono Cdu-Csu e Spd, volano i Verdi. Popolari e S&D senza maggioranza. Il live.

26 Maggio 2019 04.36

Like me!

È il giorno della verità per l'Unione europea. Il 26 maggio 21 Paesi dell'Ue sono chiamati al voto per le elezioni europee 2019, destinate a rinnovare il parlamento comunitario (clicca qui per i risultati Paese per Paese, e qui per i risultati in Italia).

Altri sette Paesi hanno già votato tra il 23 e il 25 maggio: Olanda, Regno Unito, Irlanda, Repubblica Ceca, Slovacchia, Malta, Lettonia.

LEGGI ANCHE: Cos'ha fatto l'Ue in tema di immigrazionepolitica esteradifesacommercio eurozonaclima

I cittadini chiamati al voto eleggono i 751 deputati che formeranno il nuovo parlamento europeo (diventeranno 705 in caso di uscita del Regno Unito dall'Ue, con i seggi di Londra redistribuiti tra gli altri Stati membri). L'Italia porta 73 eurodeputati, che diventeranno 76 in caso di Brexit.

  • Questa mappa mostra gli obiettivi dei Paesi o delle aree Ue dopo le elezioni europee.

LA DIRETTA DELLE ELEZIONI EUROPEE 2019: EXIT POLL, RISULTATI, COMMENTI

8.23 – IN FRANCIA STESSI SEGGI PER MACRON E LE PEN

Il Rassemblement national di Marine Le Pen e En Marche di Emmanuel Macron avranno lo stesso numero di seggi, 23, al parlamento europeo. Lo scrivono i media francesi basandosi sui dati ufficiali del ministero degli Interni francese che hanno assegnato 5,3 milioni di voti al partito nazionalista anti-immigrati e 5,1 milioni a quello del presidente della Repubblica. Tuttavia, quando il Regno Unito lascerà l'Ue a Rn spetterà uno dei suoi seggi e salirà quindi a 24. I Verdi francesi ne hanno conquistati 13.

5.25 – L'AFFLUENZA IN ITALIA IN CALO AL 56,10%

È stata del 56,10% l'affluenza in Italia alle elezioni europee 2019, in calo rispetto al 58,69% della precedente consultazione di riferimento. Lo rileva il Viminale. L'affluenza più alta è stata in Umbria (67,7%) ed Emilia-Romagna (67,3%), la più bassa in Sardegna (36,25%) e in Sicilia (37,51%).

3.28 – ULTIMA PROIEZIONE: PPE 179 SEGGI, S&D 150, LIBERALI 105, VERDI 70

Nell'ultima proiezione della notte sulla composizione del futuro Parlamento Ue al Partito popolare vanno 179 seggi, ai Socialisti e Democratici 150, ai Liberali 105. I Verdi ne prenderebbero 70, i Conservatori Ecr 58 e i Liberali 107, mentre l'Enl (o Enf, il gruppo della Lega di Salvini) avrebbe 58 seggi e l'Efdd (il gruppo dei Cinque Stelle e di Farage) 56. La Sinistra Gue otterrebbe 38 seggi. L'affluenza a livello europeo è stata del 50,95%.

2.10 – TERZA PROIEZIONE SULL'EUROPARLAMENTO: 179 SEGGI AL PPE

Nella nuova proiezione della composizione del futuro Parlamento Ue, al Partito popolare vanno 179 seggi al 23,83%, ai Socialisti e Democratici 152 al 20,24%, e ai Liberali 105, al 13,98%. Quarti i Verdi con 69 europarlamentari al 9,19%, seguono i Conservatori Ecr a 60 con il 7,99%, mentre l'Enf (il gruppo della Lega di Salvini) avrebbe 60 seggi al 7,99% e l'Efdd (il gruppo dei Cinque Stelle e di Farage) 51 al 6,79%. La Sinistra Gue ottiene 38 seggi al 5,06. I dati sono basati sulle proiezioni aggiornate.

01.27 – PROIEZIONE SWG: LA LEGA CONQUISTA 28 SEGGI, IL PD 18

In base alla terza proiezione di Swg La7 con una copertura del 46%, la Lega conquista al Parlamento europeo 28 seggi (erano 5 nelle precedenti elezioni europee). Al Pd ne vanno 18 (contro i precedenti 31) e al M5S 15 (erano 17). Forza Italia ne guadagna 6 (erano 13), Fratelli d'Italia 5 e Svp 1.

1.18 -TERZA PROIEZIONE SWG: LEGA AL 34,1%, IL PD AL 22%, IL M5S AL 18%

In base alla terza proiezione di Swg per La7 (copertura al 46%) la Lega sale ancora e si attesta al 34,1%. Il Pd è al 22%, il Movimento 5 Stelle al 18%. Forza Italia si ferma all'8,5% e FdI al 6,4%.

Usiamo questi consensi non per regolamenti di conti interni: il mio avversario è la sinistra. Da domani si torna a lavorare serenamente

1.10 – SALVINI: NIENTE REGOLAMENTI DI CONTI

Matteo Salvini ha rassicurato sulla tenuta dell'esecutivo: «Usiamo questi consensi non per regolamenti di conti interni: il mio avversario è la sinistra. Da domani si torna a lavorare serenamente».

00.26 – SECONDA PROIEZIONE SWG: LEGA AL 33,1%

In base alla seconda proiezione di Swg per La7 (copertura al 18%) la Lega sale ancora e raggiunge alle Europee il 33,1%. Il Partito democratico è secondo al 21,7%, mentre il Movimento 5 Stelle si attesta al 19%. Forza Italia è all'8,5% e Fratelli d'Italia al 6,3%.

00.16 – PARLAMENTO UE: 178 SEGGI AL PPE, 152 A S&D

Nella seconda proiezione della composizione del futuro Parlamento Ue, al Partito popolare vanno 178 seggi, ai Socialisti e Democratici 152, e ai Liberali 108. Quarti i Verdi con 67 europarlamentari, poi i Conservatori a 61, mentre l'Enf (il gruppo della Lega di Salvini) avrebbe 55 seggi e l'Efdd (il gruppo dei Cinque Stelle e di Farage) 53. La proiezione è basata sui risultati di 7 Paesi, dati provvisori di 15 e stime di 5, inclusa l'Italia.

23.54 – IL BREXIT PARTY DI FARAGE AL 32%, LIBDEM AL 19%

Il nuovo Brexit Party di Nigel Farage trionfa con il 32% alle Europee in Gran Bretagna, secondo una prima proiezione nazionale della Bbc, che dà i LibDem filo-Ue secondi al 19% (+11%), il Labour terzo in calo al 16, i Verdi (due punti in più) all'11, e i Tory solo quinti crollati al record negativo storico dell'8%.

23.32 – SECONDO EXIT POLL: LEGA TRA 27,5% E 30,5%

In base al secondo multi poll realizzato da Swg per La 7 per le Europee la Lega è il primo partito con una forchetta compresa tra 27,5 e 30,5%. Il Pd è tra il 21 e il 24%, il Movimento 5 Stelle è tra 19,5% e 22,5%, Forza Italia è tra 8,5% e 10,5% e Fratelli d'Italia è tra 4,5 e 6,5%.

23.11 – IL PD VERSO IL SORPASSO SUL M5S

Da primi exit poll il Pd è, sia pur leggermente, avanti al M5s e si piazza al secondo posto dietro la Lega. Per gli exit poll Opinio Rai i Dem si collocano tra il 21% e il 25% mentre i Cinque Stelle sono tra il 18,5% e il 22,5%. Per i Multi poll Swg per la 7 il Pd è tra il 21 e il 24% e il M5S tra il 20% e il 23%. Per gli intention poll Tecné Mediaset i Dem si collocano tra il 20,5% e il 24,5%, contro il M5S, fermo in una forchetta tra il 18,5% e il 22,5%. Infine, per gli Instant Poll per Skytg24, il Pd è tra il 21,5% e il 24,5% e il M5S fra il 20% e il 23%.

23.00 – PRIMI EXIT POLL ITALIANI: LEGA IN TESTA, PD DAVANTI AL M5S

I primi exit poll targati Swg/La7 vedono la Lega tra il 26,5% e il 29,5%, il Pd tra il 21 e il 24, il M5s tra il 20 e il 23%. Staccati Forza Italia (9-11%) e Fratelli d'Italia (5-7%).

21.40 – ULTRACONSERVATORI IN TESTA IN POLONIA

Il partito ultraconservatore Diritto e Giustizia (PiS/Ecr) di Jaroslaw Kaczynski è in testa nel voto per le Europee in Polonia col 42,40%. Lo segue a stretto giro la Coalizione europea, la lista unica formata dai principali partiti di opposizione, tra cui la Piattaforma civica di Donald Tusk. Emerge dalle stime sulla base degli exit poll, pubblicate dal Parlamento europeo. Kukiz'15, gli alleati del M5S, col 4,10% non riescono invece a superare la soglia di sbarramento, fissata al 5% in Polonia.

21.12 – LARGA VITTORIA DI SANCHEZ IN SPAGNA

Alle europee in Spagna i socialisti del premier Pedro Sanchez si apprestano a vincere con un distacco di oltre dieci punti, secondo l'ultimo sondaggio di oggi. Il Psoe, in attesa dei primi exit poll, è dato al 28,9% e 18 seggi, 11 in più rispetto ai popolari, che crollano, come alle politiche di aprile, ottenendo circa il 17,3% dei voti. In Spagna si vota anche per il rinnovo di 12 parlamenti regionali e di migliaia di comuni.

20.55 – POPOLARI E S&D SENZA MAGGIORANZA

I Popolari e gli S&D non avrebbero la maggioranza assoluta dei seggi al Parlamento europeo. Secondo la prima proiezione, sulla composizione del Pe arriverebbero infatti a 320 eurodeputati. Per la maggioranza assoluta ne servono invece 376.

20.44 – LE PROIEZIONI DEL PARLAMENTO

I Popolari primi con 173 seggi, seguiti dai Socialisti e Democratici con 147, e dai Liberali a 102. Quarti i Verdi con 71 europarlamentari, poi i Conservatori a 58, mentre l'Enf (il gruppo della Lega di Salvini) avrebbe 57 seggi e l'Efdd (il gruppo dei Cinque Stelle e di Farage) 56. E' la prima proiezione sulla composizione del Parlamento europeo basata sugli exit poll di 11 paesi e sulle intenzioni di voto di altri 17. Si tratta dunque di dati parziali.

20.35 – LE PEN CHIEDE DI SCIOGLIERE IL PARLAMENTO FRANCESE

Marine Le Pen ha chiesto «lo scioglimento dell'Assemblea Nazionale» dopo il voto di questa sera in Francia e la modifica del sistema elettorale in senso proporzionale.

LEGGI ANCHE: Quali sono le liste italianeChi sono i candidati da tenere d'occhioQuali sono i programmiQual è la legge elettorale

20.25 – AFFLUENZA PIÙ ALTA DEGLI ULTIMI 20 ANNI IN UE

L'affluenza al voto delle Europee è la più alta negli ultimi venti anni: secondo le stime diffuse dal portavoce del Parlamento europeo per i 27 Paesi si avvicina al 51%. Dipenderà poi dall'affluenza registrata nel Regno Unito, se l'affluenza sarà al 49% o salirà al 52%.

20.05 – EXIT POLL FRANCIA: LE PEN PRIMA

Rassemblement National di Marine Le Pen primo partito con il 23,2% dei voti. La Republique en Marche di Emmanuel Macron è al 21,9%. Questi i primi exit poll della società Ipsos per France 2.

19.50 – IN UNGHERIA DOMINA ORBAN

In Ungheria il partito di Viktor Orban, Fidesz, si conferma in testa ai primi exit poll con un netto 56%. Emerge dai numeri resi noti da Europe Elects. Il risultato è superiore di 4 punti percentuali rispetto alle elezioni europee del 2014.

19.38 – EXIT POLL FRANCIA: LE PEN IN TESTA

Secondo exit poll pubblicati dai media belgi, in Francia la lista del Rassemblent National di Marine Le Pen è primo partito con uno scarto di due-tre punti sulla lista Renaissance del partito di Emmanuel Macron. Il primo avrebbe ottenuto tra il 23 e il 25% contro il 19-22% della lista del presidente.

19.17 – AFFLUENZA AL 41,92%, IN AUMENTO

Alle elezioni Europee alle ore 19 secondo i primi dati (circa metà dei comuni su 7.915) ha votato in italia il 41,92% degli aventi diritto, un punto in più rispetto alle analoghe elezioni del 2014 (40,71%). Lo rende noto il sito del ministero dell'Interno. Nel 2014 l'affluenza finale alle ore 23 fu del 58,6%. Alle Politiche del 2018 (Camera) l'affluenza alle ore 19 fu del 58,4%.

18.51 – ESULTANO I VERDI EUROPEI

I Verdi europei esultano per i primi successi ottenuti alle elezioni europee in alcuni Paesi come ad esempio la Germania. «Grazie a tutti quelli che ci hanno dato fiducia», ha detto raggiante la candidata di punta dei Verdi europei, la tedesca Ska Keller, in una conferenza stampa organizzata al Parlamento europeo. «È una grande festa, ma anche una grande responsabilità tradurre in azione quello che la gente ci ha chiesto, come la protezione del pianeta e la lotta per le libertà civili».

18.40 – AFFLUENZA RECORD IN GERMANIA

In Germania le ultime proiezioni diffuse dalla Zdf segnalano un'affluenza al 60%. Sarebbe il dato più alto dalla riunificazione del Paese.

18.25 – TSIPRAS SECONDO IN GRECIA

Il principale partito di opposizione Nea Dimokatia (ND) di Kyriakos Mitsotakis, che fa capo alla famiglia del Partito popolare europeo, è in testa ai risultati in Grecia con il 36%, secondo i primi exit poll diffusi da Europe Elects. Il partito di sinistra Syriza, del premier Alexis Tsipras, tiene con il 27%, ma scivola al secondo posto. Arretra la formazione di estrema destra Alba Dorata, che si attesta al 6%. Nel 2014 Syriza aveva ottenuto 6 seggi (26,57%), Nuova Democrazia 5 (22,72%), Alba Dorata 3 (9,39%).

18.10 – LA MERKEL RESISTE, VOLANO I VERDI

Alle Europee in Germania l'Unione Cdu-Csu di Angela Merkel si conferma il primo partito negli exit poll con il 27.5%, ma perde il 7,8%. L'Spd otterrebbe 15,6%, perdendo l'11,9%. Successo dei Verdi: arrivano al 20.5%, con un +9.8%, ben oltre le attese, e diventano il secondo partito. L'AfD sta al 10.5%, +3,4%.

17.07 – KURZ VINCE IN AUSTRIA

Alle europee in Austria vince il Partito popolare del cancelliere Sebastian Kurz. Perdono, ma non crollano dopo lo scandalo di Heinz Christan Strache, i nazionalisti. In calo anche i socialdemocratici. Secondo le stime della tv pubblica Orf, la Oevp di Kurz è al 34% (+7,5%), l'Spoe si ferma al 23,5% (-0,6%) e la Fpoe scende al 17,5% (-2,2%).

17.05 – AFFLUENZA BOOM IN FRANCIA

Confermata l'affluenza in forte aumento in Francia. Alle ore 17 di oggi, riferisce il ministero dell'Interno di Parigi, il livello di partecipazione alle elezioni europee è stato del 43,29% contro il 35% del voto Ue del 2014, alla stessa ora.

16.25 – AFFLUENZA IN AUMENTO IN TUTTA UE

Affluenza ai seggi in aumento nei principali Paesi europei. Oltre che in Francia (+4% rispetto al 2014), in Germania alle 14 la percentuale di persone che si è recata a votare era del 29,4% rispetto al 25,6% del 2014. In Spagna numeri ancora più alti se confrontati con le Europee di cinque anni fa: l'affluenza delle 14 infatti era del 34%, più alta di dieci punti percentuali rispetto al 2014. Boom in Ungheria, dove alle 15 l'affluenza era pari al 30,52%, già più alta di quella complessiva di cinque anni fa.

16.10 – BOSSOLI DI PROIETTILI NEI SEGGI NEL NUORESE

Un invito a non votare e alcuni bossoli di proiettili sono stati lasciati davanti a tre scuole sedi di seggi elettorali, a Posada e Siniscola, e al Comune di Budoni, tutti centri del Nuorese. La scoperta è stata fatta ieri a tarda sera, riportata oggi dai quotidiani sardi e confermata all'ANSA dagli investigatori. Nel volantino, firmato dal sedicente Movimento politico reazionario, si accusa l'Europa di utilizzare l'Italia come discarica e di non curarsi dei migranti".

15.15 – SALVINI PARLA ANCHE AL SEGGIO

Anche Matteo Salvini si è recato al seggio a Milano per votare. E a differenza del collega Di Maio, ha risposto alle domande dei giornalisti: «Bella, molto bella, c'è cambiamento si sente nell'aria», ha detto il ministro dell'Interno e vicepremier a chi gli chiedeva che giornata sarà. «Questa è un certezza, che da domani tutti la smettano di attaccare, insultare, criticare e si lavori rispettando il lavoro degli altri», ha aggiunto dopo aver votato.

12.10 – ALLE 12 AFFLUENZA AL 16,72%

Si consolida il dato dell'affluenza alle elezioni Europee alle ore 12: ha votato il 16,72% degli aventi diritto, sempre in linea con le analoghe elezioni del 2014 (16,53%). Lo ha reso noto il sito del ministero dell'Interno. Nel 2014 l'affluenza finale alle ore 23 fu del 58,6%. Alle politiche del 2018 l'affluenza alle ore 12 fu del 19,4% (dato della Camera).

11.10 – SALVINI CONTINUA A SPINGERE SUI SOCIAL

«Con il voto alla Lega l'Italia rialza la testa». Lo ha scritto sulle sue pagine social il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ricordando gli orari di apertura e chiusura dei seggi e linkando la pagina con le istruzioni per votare. «Conto su di voi», ha aggiunto, «facciamo insieme la storia». Polemiche a Coldirodi, località del Comune di Sanremo, dove gli agenti di polizia sono intervenuti per far rimuovere un manifesto con indicazioni di voto che era esposto nella vetrina della sede del Pd, poco distante da un seggio elettorale, per evitare contestazioni da parte di qualcuno. Il manifesto, un fac-simile della scheda elettorale con indicazioni di voto era ben visibile dalla strada: è stato tolto.

09.10 – MATTARELLA E DI MAIO HANNO VOTATO

Il Presidente della repubblica Sergio Mattarella ha votato poco dopo le 9 a Palermo. Il Capo dello Stato si è recato, come di consueto, nel seggio 535 dell'istituto comprensivo "Giovanni XXIII – Piazzi" nel quartiere Libertà, nei pressi della sua abitazione palermitana. Il vicepremier Luigi Di Maio si è recato al voto invece nel seggio numero 18 allestito nell'istituto comprensivo 'Sulmona' in via Sandro Pertini, a Pomigliano d'Arco (Napoli). Ad attenderlo una sezione tutta al femminile e una folla di operatori e fotografi che hanno attirato la curiosità degli altri votanti.

07.01 – SEGGI APERTI

I seggi hanno aperto questa mattina alle 7. Si vota anche in Piemonte per l'elezione del presidente e il rinnovo del Consiglio regionale e in 3.800 comuni per i sindaci e i consigli comunali. Sono 50.952.719 gli elettori per le europee, 16.053.792 gli elettori per le comunali e 3.616.010 per le regionali in Piemonte. I seggi chiuderanno alle 23. Subito dopo inizierà lo spoglio delle schede partendo da quelle per le europee. Domani alle 14 inizierà quello per le Regionali e le Comunali. Anche oggi, giornata di votazione, vige il "silenzio elettorale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *