Elezioni, nessuna maggioranza anche con le altre leggi elettorali

Elezioni, nessuna maggioranza anche con le altre leggi elettorali

08 Marzo 2018 16.19
Like me!

Con i risultati del 4 marzo, sarebbe stato difficilissimo trovare una maggioranza parlamentare anche con il Porcellum e il Consultellum. Lo ha rilevato un'analisi dell'Istituto Cattaneo di Bologna. La legge Calderoli avrebbe, come già successo nel 2013, reso indispensabili larghe intese al Senato. Diverso il discorso dell'Italicum (che però prevedeva solo l'elezione della Camera) dove la maggioranza sarebbe stata assicurata al vincitore del ballottaggio fra centrodestra e Movimento 5 Stelle.

NESSUNA LEGGE GARANTISCE LA MAGGIORANZA. YouTrend ha provato a simulare cosa sarebbe successo il 4 marzo se fossimo andati alle urne con diverse leggi elettorali, per capire se esiste un sistema di voto che con l'attuale scenario politico italiano potrebbe garantire la governabilità. In particolare sono state analizzate le vecchie leggi elettorali come il Mattarellum, il Porcellum e il mai applicato Italicum. In tutti i casi, ad eccezione dei ballottaggi previsti dalla riforma del governo Renzi, non sarebbe emersa una forza politica in grado di raggiungere la maggioranza. Stesso discorso anche se ci fossero state le leggi di altri Paesi europei.

EFFETTI DI UN PAESE SPACCATO A META'. Alla base della sua analisi YouTrend ha specificato che c'è una semplice considerazione: «i voti si sono distribuiti in modo tripolare» e ciò non significa che «ci sono tre poli che hanno avuto lo stesso numero di voti», ma che «ci sono tre poli di grandezza rilevante». Infatti il voto è stato diviso in schieramenti e partiti che hanno superato il 25% delle preferenze: «il primo polo (il centrodestra) ha avuto il 37% dei voti, il secondo (il Movimento 5 Stelle) il 32%, il terzo (il centrosinistra) il 23%».

Mattarellum: al Senato otto seggi in meno per la maggioranza

Il sistema che porta il nome dell'attuale Capo dello Stato non sarebbe bastato a garantire la governabilità. Rispetto al Rosatellum la parte maggioritaria della vecchia legge elettorale non assegnava il 36% dei seggi, ma il 75%. Nonostante questo i numeri delle Politiche di quest’anno non sarebbero stati abbastanza netti per dare a uno schieramento la possibilità di avere una maggioranza stabile. Al centrodestra sarebbero mancati otto seggi al Senato e 25 alla Camera.

Porcellum: niente maggioranza al Senato

Uno dei sistemi più criticati in passato, il Porcellum ideato da Roberto Calderoli, era anche quello che in un certo senso garantiva una certa governabilità grazie ai premi di maggioranza poi demoliti dalla sentenza della Corte Costituzionale. In questo caso la struttura stessa di questa legge non avrebbe permesso una maggioranza, in particolare al Senato per il quale erano assegnati premi su base regionale. Anche nel voto del 4 il centrodestra avrebbe mancato la maggioranza al Senato dopo essersi preso quella della Camera.

Italicum: governabilità solo col ballottaggio

Resta l'incognita della legge mai utilizzata: l'Italicum. La riforma voluta dal governo Renzi prevedeva una soglia di sbarramento del 3% con un premio di maggioranza di 340 seggi in caso di superamento del 40% dei voti. Se nessuna lista avesse raggiunto quella soglia si sarebbe andati a un ballottaggio e il vincitore avrebbe preso la maggioranza. Con questo sistema e lo scenario attuale uno dei tre schieramenti avrebbe conquistato il 55% dei seggi in parlamento. C'è però un ma. La Corte Costituzionale ha bocciato il ballottaggio modificando la legge, ribattezzata poi Consultellum, rendendola un semplice proporzionale con premio di maggioranza al 40%, una soglia che nessuno il 4 marzo ha raggiunto.

Germania: necessaria una Große Koalition

Nel caso di un voto con un sistema alla tedesca, ovvero una legge elettorale proporzionale con una soglia di sbarramento del 5% e una distribuzione dei seggi su base federale, sarebbe stata necessaria una convergenza in una Große Koalition. Nella simulazione YouTrend ha usato i dati del senato, che per il momento sono gli unici divisi per regione. L'alta soglia di sbarramento avrebbe permesso l'accesso in parlamento solo di quattro partiti: Forza Italia, Partito Democratico, M5s e Lega. Ma in un contesto del genere le uniche maggioranze possibili sarebbero state delle larghe intese. I pentastellati con un altro partito, oppure tutti gli altri partiti contro i grillini.

Spagna: insufficiente un proporzionale "provinciale"

Il sistema con cui si vota in Spagna è ancora più preciso di quello tedesco. Si tratta di un proporzionale che assegna i seggi su base provinciale. YouTrend ha cercato di applicarlo con i voti della Camera sovrapponendo i collegi plurinominali alle province spagnole. Anche in questo caso niente maggioranza, solo intese elettorali dopo la consultazione.

Grecia: inutile il piccolo premio di maggioranza

Nei mesi precedenti all'approvazione del Rosatellum qualcuno aveva lanciato l'idea di introdurre un premio di governabilità alla lista vincente, in un modo simile a quello previsto dall'Italicum. Situazione analoga a quella che c'è in Grecia dove viene assegnato premio al vincitore, in particolare 50 seggi sui 300 disponibili. Ma nemmeno in questo caso il parlamento italiano avrebbe visto una maggioranza. Il 32% raccolto dai pentastellati più il premio non sarebbero bastati a garantire il superamento della soglia necessaria per governare da soli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *