Elezioni, chi entra in parlamento con il proporzionale

Elezioni, chi entra in parlamento con il proporzionale

06 Marzo 2018 07.27
Like me!

Nei collegi maggioritari in cui erano candidati non hanno vinto. Ma entrano comunque in parlamento grazie al "paracadute" dei listini plurinominali, ovvero al metodo proporzionale su cui si basa il Rosatellum.

DENTRO BERSANI E BOLDRINI. Dopo le elezioni tutti i partiti stanno calcolando quanti siano esattamente i loro eletti. Gli ultimi 14 seggi assegnati alla Camera sono finiti a Liberi e Uguali, senza gloria all'uninominale ma comunque in grado di dare un posto a Laura Boldrini e Pier Luigi Bersani, battuti nei collegi.

RIPESCATI MINNITI E FRANCESCHINI. In quota Pd entrano invece i ministri Orlando e Martina, che non erano stati schierati all'uninominale, e i "big" Marco Minniti e Dario Franceschini, perdenti rispettivamente a Pesaro e Ferrara.

BIANCOFIORE TORNA IN CAMPO. Rientra in gioco anche Michaela Biancofiore, sconfitta a Bolzano nel duello con Maria Elena Boschi, ma ripescata a Piacenza.

Infine, in ordine sparso, tra ripescati veri e propri e candidati nel solo proporzionale hanno trovato posto a Montecitorio Lucia Annibali, Nicola Fratoianni, Guido Crosetto, Giulia Sarti, Vittorio Sgarbi, Stefania Pezzopane, Mara Carfagna, Guglielmo Epifani e tanti altri. Per quanto riguarda il Senato, invece, Gianni Pittella, sconfitto in Basilicata, è stato ripescato in Campania. Più sotto c'è l'elenco completo degli eletti con il proporzionale nei due rami del parlamento.

QUANTI SEGGI ALLA CAMERA PER CIASCUN PARTITO. In tutto sono 607 i seggi ripartiti finora alla Camera in base ai risultati delle elezioni. Restano ancora da scrutinare una trentina di sezioni.

  • Il centrodestra ne ha 260, di cui 73 alla Lega, 59 a Forza Italia, 19 a Fratelli d’Italia assegnati col proporzionale e 109 con l'uninominale.
  • Il Movimento 5 Stelle finora ne ha 221, il numero più alto per un singolo partito, di cui 133 in base alla quota proporzionale e 88 nell’uninominale.
  • Il centrosinistra ha 112 seggi, di cui 2 alla Svp e il resto al Pd: 86 nel proporzionale e 24 nell'uninominale.
  • Liberi e Uguali può contare su 14 seggi, tutti ripartiti col proporzionale.

QUANTI SEGGI AL SENATO PER CIASCUN PARTITO. Al Senato sono stati ripartiti finora 308 seggi.

  • Il centrodestra ne ha 135, di cui 58 con l'uninominale. Mentre la quota proporzionale consegna 37 seggi alla Lega, 33 a Forza Italia, 7 a Fratelli d'Italia.
  • Il Movimento 5 stelle conquista 112 seggi, di cui 68 col proporzionale e 44 assegnati con l'uninominale.
  • Il centrosinistra totalizza 57 seggi. Svp ne prende uno, il Pd gli altri 56, di cui 43 al proporzionale e 13 all'uninominale.
  • Liberi e Uguali ha ottenuto 4 seggi.

Gli eletti con il proporzionale alla Camera

Il ministero dell'Interno ha assegnato alla Camera 607 seggi su 630. Tra gli eletti Lucia Annibali, Nicola Fratoianni, Guido Crosetto, Raffaella Paita, Giancarlo Giorgetti, Barbara Pollastrini, Valentino Valentini, Mariastella Gelmini, Emanuele Fiano, Manlio Di Stefano, Michela Vittoria Brambilla, Alfredo Bazoli, Lorenzo Guerini, Massimo Bitonci, Alessandro Zan, Massimiliano Fedriga, Ettore Rosato, Debora Serracchiani, Giuditta Pini, Giulia Sarti, Vittorio Sgarbi, Piero Fassino, Paola De Micheli, Nino Rizzo Nervo, Luciano Cantone, Pier Luigi Bersani, Michaela Biancofiore, Deborah Bergamini, Alfonso Bonafede e Roberto Speranza.

E poi ancora Enrico Borghi, Simone Baldelli, Alessio Morani, Barbara Saltamartini, Renata Polverini, Sestino Giacomoni, Annagrazia Calabria, Fabio Rampelli, Carla Ruocco, Massimo Enrico Baroni, Federica Daga, Antonio Angelucci, Matteo Orfini, Michele Anzaldi, Stefano Fassina, Micaela Campana, Gianfranco Rotondi, Stefania Pezzopane, Carlo Sibilia, Umberto Del Basso De Caro, Edmondo Cirielli, Mara Carfagna, Gennaro Migliore, Paolo Siani, Elio Vito, Francesco Boccia, Enza Bruno Bossio, Jole Santelli, Nico Stumpo, Daniela Cardinale, Stefania Prestigiacomo, Guglielmo Epifani, Giulia Grillo. Dentro anche Piero De Luca, figlio del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Gli eletti con il proporzionale al Senato

Al Senato, quando restano da scrutinare 20 sezioni nel Lazio, grazie alla quota proporzionale entrano le ministre Fedeli e Pinotti, il presidente Pietro Grasso, l'ex presidente Renato Schifani, Umberto Bossi e Vasco Errani. Niente da fare per Massimo D'Alema, Roberto Formigoni, Laura Puppato, l'ex operaio Thyssen Antonio Boccuzzi e il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta.

Tra gli eletti Giulia Bongiorno, Albert Laniece, Alberto Bagnai, Lucio Malan, Alberto Airola, Daniela Santanchè, Carlo Martelli, Danilo Toninelli, Roberto Calderoli, Tony Chike Iwobi, Licia Ronzulli, Vito Crimi, Adriano Galliani, Gianluigi Paragone, Matteo Salvini, Paolo Romani, Tommaso Nannicini, Michele Laforgia, Alberti Casellati, Niccolò Ghedini, Giovani Endrizzi, Sandro Biasotti, Lucia Borgonzoni, Anna Maria Bernini, Teresa Bellanova, Armando Siri, Matteo Richetti, Andrea Cangini, Luigi Zanda, Maurizio Gasparri, Enzo Marsilio, Elio Lannutti, Bruno Astorre, Claudio Fazzone, Emanuele Dessì, Monica Cirinnà, Luciano D'Alfonso, Alessandra Lonardo, Valeria Valente, Gianni Pittella, Dario Stefano, Nicola Morra, Davide Faraone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *