Affronto agli Usa: i russi hanno osato interferire nel voto russo

Diego Fusaro
20/03/2018

Questi sfrontati vogliono decidere autonomamente del proprio governo, ostacolando malignamente i desiderata dei democratici signori del non libero ordine occidental-capitalistico. Ora andranno puniti.

Affronto agli Usa: i russi hanno osato interferire nel voto russo

Si sono svolte in Russia le elezioni. E hanno sortito l'esito da tutti atteso e soprattutto temuto, se non altro da parte dei cantori del mondialismo e dai signori dell'ordine planetario post-1989, americanocentrico e ultracapitalistico. Ma lo sappiamo. Non passa giorno che non ce lo dicano, gli alfieri di quel libero cannibalismo pudicamente chiamato libero mercato. I generosi signori dell'informazione e del monopolio dei mezzi di informazione di massa lo vanno senza tregua ripetendo da mesi, forse da anni. Sempre per il nostro bene, s'intende. La terribile Russia dello zar Putin, stalinista e insieme fascista, omofobo e antidemocratico, minaccia – dicono – la pace mondiale. Compromette – dicono – la tenuta delle magnifiche sorti e progressive del mondo unificato sotto il segno del free market system. Dapprima – dicono – il terribile zar Putin interferisce con le elezioni degli Usa. Poi con il referendum costituzionale italiano nel 2016. Non da ultimo con la vicenda della spia in Inghilterra.

[mupvideo idp=”5754009481001″ vid=””]

Insomma, il mondo sarebbe perfetto, magnifico e senza contraddizioni se… se non vi fosse l'orrenda Russia di Putin, il male sulla Terra, il diavolo che a piede libero si aggira per il mondo. Ma tutto ciò non bastava. In aggiunta, l'inconfessabile. È accaduto proprio ora un fatto gravissimo e inammissibile. Pare vi siano interferenze russe nelle elezioni russe! Pare che questi vili populisti, sovietici e totalitari russi vogliano decidere – udite, udite! – di eleggere Putin. Questi riottosi e incivili figli di Lenin si permettono ora di interferire con la pax americana e con il nuovo ordine mondiale made in Usa! Questi sfrontati osano decidere autonomamente del proprio governo, interferendo malignamente con i desiderata dei democratici signori del non libero ordine occidental-capitalistico con a capo la neoleviatanica talassocrazia del dollaro. Insomma, un affronto. Una vergogna. Non maravigliamoci, ordunque, se i ligi benefattori del genere umano, gli ammiragli del nuovo ordine mondiale a stelle e strisce, prenderanno ora seri provvedimenti rispetto a questa inaccettabile insubordinazione dimostrata dalla Russia putiniana. Magari ricorrendo ai soliti e ormai noti stratagemmi dell'imperialismo etico, delle sanzioni terapeutiche, dell'esportazione missilistica della democrazia. Insomma, la Russia di Putin va punita: i russi hanno osato interferire con le elezioni russe, hanno osato opporsi ai voleri di Washington.