John Elkann chiama Colao per guidare Exor

07 Agosto 2018 09.31
Like me!

Nei giorni convulsi che hanno accompagnato il ricovero di Sergio Marchionne nella clinica universitaria di Zurigo il presidente di Fca, John Elkann, all’oscuro di tutto, era impegnato in realtà in un’altra partita che nulla aveva a che fare con i destini della casa automobilistica. Elkann, che è anche presidente e amministratore delegato di Exor, stava cercando un manager di prestigio cui affidare il timone della finanziaria di famiglia, ovvero la cassaforte che ha in pancia tutte le sue partecipazioni.

NESSUNA OFFERTA PER FIAT

Nei giorni che precedettero l’intervento poi costato la vita all’ad di Fca, l’erede di casa Agnelli aveva incontrato Vittorio Colao, l’ad di Vodafone che aveva da poco annunciato la sua uscita dal colosso delle telecomunicazioni. Ed è proprio a lui che Elkann ha proposto di prendere in mano Exor, holding che sarà sempre più centrale nelle strategie della famiglia torinese, soprattutto in vista dell’uscita dal settore auto, che resta il suo obiettivo prioritario. Non parlò con lui invece di Fiat, come poi erroneamente riportato, pur sapendo che l’uscita di Marchionne, preannunciata per l’aprile del 2019, necessitava della ricerca di un degno successore.

DOPO L'ADDIO A VODAFONE, COLAO PENSA A NUOVE AVVENTURE

Colao, bresciano, 56 anni, coincidenza anche lui figlio di un carabiniere proprio come Marchionne, e che dopo l’esperienza in Vodafone sta pensando a iniziative di tipo imprenditoriale, ha per il momento declinato l’invito. Forse anche perché, con gli Agnelli tra gli azionisti, frenato dal ricordo della fugace esperienza al vertice di Rcs, dal 2004 al 2006, dove il suo piglio decisionista (rilasciò una famosa intervista a Panorama in cui appriva all’idea allora sacrilega di licenziare i giornalisti) si scontrò col ventre molle di un azionariato che mal sopportava le idee di un capo azienda indipendente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *