Redazione

Dl crescita: trovato l'accordo sul "salva-Roma"

Dl crescita: trovato l’accordo sul “salva-Roma”

Ultima settimana per i ritocchi dal decreto che entro il 14 dovrebbe approdare in Aula. Dalla misura sui debiti dei comuni fino ai bonus per i mecenati delle scuole. Le ultime novità.

10 Giugno 2019 18.22

Like me!

Per il momento il parlamento è impegnato nel delicato passaggio dello sblocca cantieri, ma presto dovrebbe essere il turno del dl crescita. Lunedì 10 giugno le Commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno ripreso l’esame del decreto, con conseguente pioggia di emendamenti. Dal salva-Roma ai fondi per i fornitori di Mercatone Uno anche se poi alcune sono saltate come le novità sul rc auto e la nomina del commissario per Euro 2020. Ecco le ultime novità.

TROVATA MEDIAZIONE SU SALVA-ROMA E SALVA-COMUNI

Arriva la mediazione sul debito di Roma. I relatori del dl hanno presentato in commissione un nuovo pacchetto di 16 emendamenti che contiene anche una proposta per passare allo Stato parte del debito storico della Capitale (1,4 miliardi, come previsto in origine) e per venire incontro agli Comuni in dissesto e pre-dissesto. Si prevede l’istituzione di un fondo ad hoc dove far confluire gli eventuali minori esborsi per rinegoziazione dei mutui da parte dell’attuale Commissario al debito di Roma, che serviranno per i debiti delle città metropolitane.

NORMA PER “SALVARE” I FORNITORI DI MERCATONE UNO

Nel testo è arrivata anche una norma per ‘salvare’ i fornitori di Mercatone Uno: i relatori hanno depositato un emendamento che amplia la platea dei beneficiari del Fondo per le «vittime dei mancati pagamenti», così come annunciato dal vicepremier Luigi Di Maio. Oltre alle pmi potranno accedere anche i professionisti mentre i debitori potranno essere anche soggetti diversi dalle aziende. Più ampio anche il novero dei reati commessi dai debitori, che includeranno anche bancarotta, bancarotta fraudolenta e ricorso abusivo al credito.

VIA LIBERA ALLA RIAPERTURA DELLA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE

Via libera delle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera all’emendamento della Lega che riapre i termini della rottamazione delle cartelle. La riapertura rispetto alla scadenza del 30 aprile scorso prevede che il debitore entro il 31 luglio prossimo dichiari la propria volontà, con le modalità già previste per la rottamazione-ter, di voler aderire optando per il pagamento in un’unica soluzione al 30 novembre prossimo, ovvero in massimo 17 rate, la prima delle quali sempre al 30 novembre. Riaperti anche i termini per il saldo e stralcio.

PIÙ CHANCES DI VINCERE LA LOTTERIA PER CHI PAGA COL BANCOMAT

Se si paga con carte e bancomat raddoppiano le chance di vincere alla lotteria degli scontrini. Lo prevede un altro emendamento dei relatori al decreto Crescita depositato nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera che punta a «incentivare l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici da parte dei consumatori». Si prevede anche che la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi avvenga entro 12 giorni, per venire incontro alle aree con carenze di connettività. Niente sanzioni nei primi sei mesi se la trasmissione avviene entro il mese successivo.

BONUS ASSUNZIONI PER I MECENATI DELLE SCUOLE

Dopo l’addio allo ‘school bonus‘, che nel 2019 non è stato rinnovato, spunta un nuovo bonus per i ‘mecenati’ delle scuole superiori: a prevederlo un emendamento del governo al dl, che ha stanziato tre milioni nel 2021 e sei a regime. A chi dona almeno 10mila euro a un istituto per ammodernare i laboratori, e migliorare così le competenze degli studenti, sarà riconosciuto per un anno uno sconto dei contributi sui neoassunti (che provengano dall’istituto stesso) che potrebbe arrivare all’esonero completo: si prevedono infatti al massimo 5-600 assunzioni l’anno.

NORME ANTI EVASIONE DELLA TASSA DI SOGGIORNO

Il viceministro all’Economia, Laura Castelli, ha annunciato anche l’arrivo di una norma per favorire la riscossione della tassa di soggiorno, «introdotta da circa 900 Comuni, che ha un tasso di evasione che in alcuni casi supera il 50%». Castelli ha anche spiegato che la novità sarà inserita nel decreto e che si tratterà di «un importante effetto deterrente contro l’evasione. I dati delle comunicazioni trasmessi dalle strutture ricettive» secondo la «legge di pubblica sicurezza saranno resi disponibili per l’Agenzia delle entrate, in forma anonima e aggregata. La stessa Agenzia ne consentirà il successivo utilizzo ai comuni che hanno» la tassa. Per rendere operativa la norma servirà un decreto ministeriale, poi «gli enti impositori acquisiranno elementi utili per l’attività di accertamento e di recupero del mancato gettito, con probabili effetti positivi quello finanziario, che potrà essere destinato a finanziare interventi in materia di turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali».

SI AMPLIA LA PLATEA DEI RIMBORSI AI RISPARMIATORI

Un altro emendamento prevede di ampliare la platea dei risparmiatori coinvolti nelle crisi bancarie che possono accedere al Fir, il fondo di ristoro. La proposta esclude dal calcolo per i limiti di reddito (35mila euro) eventuali rendite erogate da fondi di previdenza complementare e le polizze vita dal patrimonio mobiliare (tetto 100mila euro). Previsto anche che ai risparmiatori cui spetta l’indennizzo non siano sottoposti a controllo preventivo su eventuali cartelle esattoriali.

INSERITA AL “MINI-TASSA” PER CHI RIENTRA IN ITALIA

La ‘mini-tassa‘ per chi decide di trasferire la residenza in Italia si potrà applicare anche agli sportivi professionisti, ma con uno sconto un po’ più basso rispetto al resto dei lavoratori ‘impatriati’. I relatori al decreto crescita hanno presentato un emendamento che prevede infatti che sia tassabile il 50% del reddito (anziché il 30%). Prevista anche la creazione di un fondo ad hoc per potenziare i settori giovanili, alimentato con lo “0,5% della base imponibile” di chi opta per il regime fiscale agevolato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *