Emilia, tornano le tasse

Redazione
21/08/2012

L’Agenzia delle Entrate ha detto stop alle agevolazioni per i terremotati dell’Emilia Romagna. Nonostante il 14 agosto il governatore Errani...

Emilia, tornano le tasse

L’Agenzia delle Entrate ha detto stop alle agevolazioni per i terremotati dell’Emilia Romagna.
Nonostante il 14 agosto il governatore Errani avesse chiesto di rinviare i pagamenti delle tasse per le vittime del sisma almeno fino alla fine del 2012, da Roma nessuno sconto. Resta il termine originario dell’1 ottobre, oltre il quale gli emiliani non possono più esimersi dal pagare le imposte sulla casa.
La risposta dell’Agenzia delle Entrate non ha lasciato spiragli per un’ulteriore proroga, come si può leggere in una nota: «La scadenza del termine della sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari rimane fissata al 30 settembre 2012, femo restando la possibilità di regolarizzare entro il 30 novembre 2012, senza applicazione di sanzioni o interessi, gli adempimenti concernenti le ritenute relative al periodo dal 20 maggio all’8 giugno 2012».
Poco importa  che molti dei soggetti coinvolti da questo provvedimento abbiano ancora l’abitazione parzialmente distrutta o inagibile.
ERRANI CHIEDE L’INTERVENTO DEL GOVERNO. Il presidente della Regione Emilia Romagna, nonché Commissario per la ricostruzione, Vasco Errani si è fatto portavoce della protesta dei cittadini.
«Torneremo a lavorare sulla richiesta di rinvio di tutti i pagamenti per chi ha la casa inagibile o ha avuto danni all’azienda».
Errani ha annunciato l’intenzione di voler portare la questione a Roma, mentre anche Confesercenti ha espresso il suo malcontento per la decisione: «Questa scelta dello Stato è incomprensibile e non tiene conto della realtà».
Unanime anche la voce dei partiti, tutti d’accordo, da Rifondazione comunista al Pdl, nel condannare l’ingiustizia  di cui sarebbero vittime i terremotati.