Enel archivia un bilancio 2010 record

Redazione
03/02/2011

È il miglior bilancio che l’Enel abbia mai realizzato. Un recordo assoluto di ricavi a 73,4 miliardi di euro (64,4 miliardi...

È il miglior bilancio che l’Enel abbia mai realizzato. Un recordo assoluto di ricavi a 73,4 miliardi di euro (64,4 miliardi nel 2009, +14,0%) ed ebitda a 17,5 miliardi di euro (16,4 miliardi nel 2009, +6,7%) e riduzione oltre le apettative del debito: indebitamento finanziario netto a 44,9 miliardi di euro (50,9 miliardi nel 2009, -11,8%); 43,7 miliardi di euro (-14%) al netto degli effetti delle differenze cambio associate all’indebitamento in valuta a medio-lungo termine. Il rapporto tra debito ed Ebitda scende a 2,5.
Sono questi i risultati del preconsuntivo 2010 Enel approvato il 3 febbario 2011 con cui l’amministratore delegato Fulvio Conti chiude il triennio di mandato, in attesa delle nomine di aprile.
DIVIDENDO OLTRE LE ATTESE. Secondo quanto riportato in una nota dall’azienda, «un margine operativo lordo pari a circa 17,5 miliardi di euro lascia prevedere per il 2010 un utile netto consolidato ordinario superiore ai 4 miliardi di euro indicati al mercato e quindi un dividendo migliore di quello 2009 (era di 0,26 euro, migliorando lo yeald che alla quotazione di oggi di 4,17 euro è di circa il  6,4%)».
Enel, negli anni di gestione Conti si è trasfromato da utility elettrica nazionale a operatore energetico globale presente in 40 paesi che produce all’estero il 75%.dell’elettricità: 208,6 terawattora (TWh) su un totale di 290,2 TWh.
Un risultato, secondo l’azienda, ottenuto grazie alle buone occasioni presentate dal mercato, come si legge nella nota:. «Sospinti dal dimagrimento forzato dettato dalla liberalizzazione, abbiamo saputo cogliere l’ultima occasione per acquisire una proiezione internazionale con l’Opa su Endesa, battendo i tedeschi di Eon». Il 15 marzo a Londra sarà presentato il nuovo piano strategico 2011-2015. Tra gli obiettivi che la societá energetica si pone per i prossimi anni: la compiuta integrazione  in Enel dei ‘mondi’ Endesa (leader in Spagna e nei principali paesi del sud America), Ogk 5 e Slovenske elektrarne; la crescita di Enel Green Power. E vincere la sfida di riportare la fonte energetica nucleare in Italia.