Eni Award 2023, assegnati i premi alla ricerca scientifica di Eni

Debora Faravelli
16/10/2023

Presente il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Conferita anche la Menzione speciale Eni Joule for Entrepreneurship per premiare le migliori idee imprenditoriali innovative e sostenibili.

Eni Award 2023, assegnati i premi alla ricerca scientifica di Eni

Si è svolta lunedì 16 ottobre 2023 al Palazzo del Quirinale, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del presidente del Consiglio di amministrazione di Eni Giuseppe Zafarana e dell’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi, la cerimonia di premiazione degli Eni Award. Giunto alla sua 15esima edizione, l’evento è considerato un punto di riferimento a livello internazionale per la ricerca nei campi dell’energia e dell’ambiente e testimonia l’importanza che la ricerca scientifica e l’innovazione tecnologica hanno per Eni e il suo impegno a favorire la sostenibilità e l’accesso all’energia, in accordo con i 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Dalla sua istituzione nel 2008, le candidature al premio sono state più di 11 mila. La commissione scientifica, che ha valutato le ricerche presentate, è composta da scienziati che appartengono ai più avanzati istituti di ricerca a livello mondiale e negli anni ha visto la partecipazione di sei premi Nobel.

I vincitori degli Eni Award 2023

Per la sezione transizione energetica, rivolta a ricerche nel campo dell’efficienza energetica nonché della cattura, utilizzo e sequestro dell’anidride carbonica, il premio è stato assegnato ex aequo a Yu Huang, della University of California (Los Angeles, USA), per la ricerca Celle a combustibile a idrogeno economiche e sostenibili per la decarbonizzazione dei trasporti, e a Jeffrey R. Long, della University of California (Berkeley, USA), per la ricerca Adsorbimento cooperativo in materiali MOF per la cattura di gas. Yu Huang ha sviluppato catalizzatori innovativi molto efficienti per celle a combustibile a idrogeno (HFC), migliorandone significativamente sia le prestazioni che l’economicità e la sostenibilità di produzione. In particolare, ha ideato uno strato protettivo su scala nanometrica che impedisce il deterioramento di tali catalizzatori durante la loro operatività nonché una tecnologia basata sull’utilizzo di nanofili che permette la radicale riduzione dell’utilizzo di platino, elemento critico e ad alto costo. Le HFC sono un’alternativa ai motori a combustione interna e perciò un valido contributo alla decarbonizzazione dei trasporti.

Eni Award 2023, assegnati i premi alla ricerca scientifica di Eni
Yu Huang con Sergio Mattarella, Giuseppe Zafarana e Claudio Descalzi (Imagoeconomica).

Jeffrey R. Long ha invece progettato e sviluppato materiali cristallino-nanoporosi, conosciuti con l’acronimo MOF, che, opportunamente funzionalizzati, sono in grado di separare selettivamente molecole specifiche da miscele anche complesse. L’applicazione principale riguarda l’anidride carbonica che viene separata, ad esempio, da gas di combustione e persino dall’aria. Questi materiali, caratterizzati da elevata capacità adsorbente e bassa energia di rigenerazione, operano con un meccanismo di adsorbimento cooperativo, mai osservato in precedenza. Ciò ha favorito un loro impiego in processi industriali di cattura dell’anidride carbonica dall’aria (Direct Air Capture, DAC).

Eni Award 2023, assegnati i premi alla ricerca scientifica di Eni
Jeffrey Long con Sergio Mattarella, Giuseppe Zafarana e Claudio Descalzi (Imagoeconomica).

Nella sezione frontiere dell’energia, per ricerche sulle fonti rinnovabili e sullo stoccaggio dell’energia, il premio è stato assegnato a Matthew Rosseinsky della University of Liverpool (UK) per il suo lavoro sulle tecniche digitali per la progettazione e scoperta di materiali per l’energia di nuova generazione. Matthew Rosseinsky e il suo team hanno aperto nuove prospettive nel campo della scienza dei materiali, inclusi quelli per applicazioni energetiche, mediante l’utilizzo delle nuove tecniche computazionali. Questo approccio integrato e innovativo, che combina intelligenza artificiale, machine learning e modelli fisici computazionali con l’automazione, rende più rapida la scoperta di materiali ad alte prestazioni prevedendone sia le proprietà che la stabilità. Tali nuovi materiali sono necessari per rispondere alla sfida net zero, quali ad esempio assorbitori solari senza componenti tossiche, nuovi elettroliti con elevate proprietà di trasporto per batterie, fino a un ossido con la più bassa conduttività termica mai registrata finora per applicazioni termoelettriche.

Eni Award 2023, assegnati i premi alla ricerca scientifica di Eni
Matthew Rosseinsky con Sergio Mattarella, Giuseppe Zafarana e Claudio Descalzi (Imagoeconomica).

Nella sezione soluzioni ambientali avanzate, dedicata a valorizzare l’innovazione scientifica e tecnologica per la tutela e l’uso sostenibile delle risorse naturali, il premio è stato assegnato a Thalappil Pradeep dell’Indian Institute of Technology per la sua ricerca relativa a tecnologie accessibili per la potabilizzazione dell’acqua mediante materiali avanzati. Thalappil Pradeep ha scoperto nanomateriali per la rimozione dall’acqua di contaminanti tossici, quali l’arsenico e l’uranio, con i quali ha sviluppato una soluzione avanzata, sostenibile ed economica, per ottenere acqua potabile. Attualmente in India 1,3 milioni di persone beneficiano ogni giorno di questa invenzione, a un costo estremamente conveniente, pari 2,1 paise per litro di acqua trattata. Questa tecnologia, caratterizzata da facilità di manutenzione e smaltimento, da bassi costi e impatto ambientale, è stata approvata per l’implementazione su scala nazionale in India.

Eni Award 2023, assegnati i premi alla ricerca scientifica di Eni
Thalappil Pradeep con Sergio Mattarella, Giuseppe Zafarana e Claudio Descalzi (Imagoeconomica).

Conferiti quattro premi nella sezione Giovani talenti dall’Africa

La sezione Giovani talenti dall’Africa, istituita nel 2017 in occasione del decennale di Eni Award e dedicata ai giovani talenti dal Continente Africano, ha conferito quattro premi, a Gloria Amo-Duodu, della Durban University of Technology (Sud Africa) a Elshaday Mulu Fetene, della Moi University (Kenya), a Tsion Ayalew Kebede, della Addis Ababa University (Etiopia), e Natnael Tilahun Sinshaw, della Addis Ababa Science and Technology University (Etiopia). I premiati riceveranno una borsa di studio che permetterà loro di frequentare un corso di dottorato presso prestigiosi atenei italiani per approfondire e sviluppare le loro idee innovative. Gloria Amo-Duodu ha studiato nanoparticelle metalliche con proprietà magnetiche per migliorare la qualità del biogas prodotto da acque reflue mediante digestione anaerobica. Elshaday Mulu Fetene ha analizzato la possibilità di effettuare un upgrade del biogas attraverso l’utilizzo di assorbenti naturali e modificati, quali le ceneri di legno, l’argilla e le zeoliti. Tsion Ayalew Kebede, sfruttando le tecniche di remote sensing e i meccanismi di machine learning, si è concentrata sugli effetti che l’utilizzo del territorio e i cambiamenti legati alla copertura del suolo hanno sul clima. Natnael Tilahun Sinshaw, infine, ha sviluppato un modello predittivo, usando sistemi di deep learning, per riconoscere in tempo reale le malattie che colpiscono le coltivazioni.

Il premio giovane ricercatore dell’anno a due studiosi 

Per la categoria Giovane ricercatore dell’anno, che premia due ricercatori che hanno conseguito il dottorato di ricerca in università italiane, i riconoscimenti sono stati assegnati a Michele Ghini e Hilmar del Carmen Guzmán Medina. Michele Ghini, che ha condotto il proprio dottorato presso l’Istituto italiano di tecnologia in collaborazione con l’Università di Genova, ha studiato una tecnologia basata su nanocristalli di ossidi metallici per un innovativo sistema di conversione, accumulo, e rilascio di energia solare sotto forma di cariche elettriche. Le sue scoperte aprono la strada a una vasta gamma di applicazioni future nei campi dell’optoelettronica e dei dispositivi autoalimentati, nonché nello sviluppo di soluzioni di stoccaggio diretto di energia solare. Hilmar del Carmen Guzmán Medina, che ha conseguito il dottorato presso il Politecnico di Torino, ha condotto uno studio per trasformare, mediante riduzione elettrochimica, l’anidride carbonica in prodotti quali etanolo e metanolo. In particolare, ha implementato elettrodi scalabili e riproducibili, che lavorano a condizioni ambientali. Questo processo può portare a una transizione più rapida verso un’economia a basse emissioni di carbonio perché compatibile con l’attuale infrastruttura energetica.

Eni Award 2023, assegnati i premi alla ricerca scientifica di Eni
Eni Award 2023 (Eni).

I premi della sezione Riconoscimento all’Innovazione Eni

Per la sezione Riconoscimento all’Innovazione Eni, che elegge i progetti più innovativi sviluppati da ricercatori ed esperti tecnici Eni, sono stati premiati:

  • Aldo Bosetti, Carmen Samà (Eni), Luca Madia Massimo Zampato (Eniprogetti) per aver brevettato un reattore a configurazione “shell & tube” per processi di ossidoriduzione ad alte temperature, da abbinare, ad esempio, agli impianti solari a concentrazione;
  • Antonio Amico, Giulio Assanelli, Lucia Bonoldi, Marcello Notari, Riccardo Po’ e Luca Serbolisca (Eni) per la soluzione tecnologica innovativa di un rivestimento con particelle di grafite con molteplici proprietà (antimicrobiche, antibatteriche, antivirali, anticorrosive e anti-sporcamento);
  • Francesco Argento, Andrea Vignali (Eni) e Mauro Favaretto (Eniprogetti) per la soluzione tecnologica di un drone certificato ATEX, ovvero abilitato ad operare in ambienti a rischio di esplosione, per il monitoraggio di emissioni di metano negli impianti oil&gas.

La menzione speciale Eni Joule for Entrepreneurship

Anche quest’anno Eni, attraverso Joule, la sua scuola per l’impresa, ha assegnato la Menzione speciale Eni Joule for Entrepreneurship destinata a team, spin off universitari e startup volta a favorire l’applicazione, la valorizzazione e il trasferimento delle tecnologie promuovendo nel contempo la creazione di un ecosistema dell’innovazione sostenibile. La menzione è stata assegnata a tre startup che si sono particolarmente distinte per l’innovatività e la sostenibilità dei progetti imprenditoriali proposti:

  • RECO2, startup di Pontecorvo (Frosinone) che ha brevettato un processo virtuoso di economia circolare per la produzione di un’ampia gamma di prodotti utili per l’edilizia sostenibile e l’arredo urbano attraverso il riutilizzo di materiali di scarto industriale;
  • Ohoskin, startup di Catania che ha creato e brevettato un tessuto alternativo alla pelle animale per utilizzi nei settori della moda, automotive e arredamento, prodotto da scarti di arance e pale di fichidindia;
  • 20energy, startup di Spoleto che ha sviluppato, prodotto e commercializzato un dispositivo intelligente che converte l’energia cinetica dissipata dalle automobili in fase di rallentamento in energia elettrica utilizzabile in loco o distribuita alla rete.