Avvocati al lavoro sull’eredità di Marchionne

15 Marzo 2019 08.58
Like me!

A neanche otto mesi dalla morte di Sergio Marchionne la sua compagna, Manuela Battezzato, si trova a dover gestire le complicazioni dovute all’eredità. La signora, formalmente ancora una dipendente Fca, tra ferie e congedi temporanei dal giorno della scomparsa dell’ex ad, avvenuta il 25 luglio dello scorso anno in un ospedale di Zurigo, non è più tornata in azienda. E probabilmente non ci tornerà. John Elkann avrebbe infatti dato mandato agli uffici legali del gruppo per trovare una risoluzione consensuale al rapporto di lavoro.

LEGGI ANCHE: Quale eredità lascia in Fca Sergio Marchionne

Ma il fronte più spinoso è quello dell’eredità del manager. Marchionne non era divorziato dalla moglie Orlandina che vive in Svizzera, e questo complica non poco le cose. Battezzato, dopo aver chiesto consiglio a Franzo Grande Stevens, storico legale del gruppo torinese, si è rivolta a uno studio svizzero. In più ci sono i due figli di primo letto di Marchionne, Alessio Giacomo e Jonathan Tyler, con cui il padre aveva un rapporto molto distaccato, che ora si sono fatti avanti. Come prima iniziativa, contestando i mancati introiti del bonus del 2018 che Fca avrebbe dovuto corrispondere al padre. Tema spinoso, visto che le clausole che ne regolano l‘assegnazione stabiliscono che il premio venga incassato solo da chi ancora lavora dentro l'azienda nel momento in cui viene certificato il raggiungimento degli obiettivi fissati dal piano. In questo caso, non più tardi del 15 marzo del 2019 per il periodo di riferimento che si chiude al 31 dicembre 2018. Formalmente perciò, Marchionne, ovvero i suoi eredi, non avrebbero titolo per beneficiarne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *