Ereditiera milionaria dona parte delle sua eredità a sconosciuti: «Voglio ridistribuire la ricchezza, la politica non lo fa»

Marlene Engelhorn ha ricevuto circa 25 milioni di euro a seguito della morte di Friedrich Engelhorn, fondatore dell'azienda chimica e farmaceutica tedesca Basf. Ha brevettato un metodo che coinvolge i cittadini austriaci per scegliere i destinatari dei fondi ereditati.

Ereditiera milionaria dona parte delle sua eredità a sconosciuti: «Voglio ridistribuire la ricchezza, la politica non lo fa»

Marlene Engelhorn, ragazza austro-tedesca di 31 anni discendente ed ereditiera di Friedrich Engelhorn, fondatore dell’azienda chimica e farmaceutica tedesca Basf, ha deciso di non tenere la sua fortuna tutta per sé e di donare parte dell’eredità alle persone che più ne hanno bisogno, degli sconosciuti che verranno selezionati con una tecnica quantomai singolare. La giovane, infatti, ha chiesto aiuto ai cittadini austriaci cercando di farsi indirizzare verso dei beneficiari della donazione che ne abbiano davvero bisogno.

L’ereditiera chiede aiuto ai cittadini per donare parte della sua eredità

Per selezionare le persone a cui donare parte della sua fortuna ereditata, pari a 25 milioni di euro, Marlene Engelhorn ha brevettato un sistema che coinvolge, nella fase iniziale, circa 10 mila persone. Queste, più nello specifico, hanno ricevuto un lettera nella quale l’ereditiera chiede di rispondere a un sondaggio che ha il fine di identificare 50 persone di diversa estrazione sociale che la aiuteranno a sviluppare delle idee su come distribuire il denaro.

«Voglio ridistribuire la ricchezza»

Intervistata dalla Bbc News online, Engelhorn ha specificato le ragioni della sua iniziativa: «Ho ereditato una fortuna, e quindi il potere, senza aver fatto nulla per questo. Lo Stato non vuole nemmeno tasse su questo». Si ricorda a tal proposito che in Austria, dal 2008, è stata abolita l’imposta di successione, decisione giudicata sbagliata e ingiusta dall’ereditiera. «Se i politici non fanno il loro lavoro e non redistribuiscono», ha aggiunto l’ereditiera, «allora devo ridistribuire io stessa la mia ricchezza. Molte persone faticano ad arrivare a fine mese con un lavoro a tempo pieno e pagano le tasse su ogni euro guadagnato dal lavoro. Lo considero un fallimento della politica e, se la politica fallisce, allora i cittadini devono affrontarlo da soli». La scelta presa da Marlene Engelhorn è concorde con quanto la giovane aveva dichiarato prima che Friedrich Engelhorn morisse, ovvero la volontà di donare il 90 per cento della sua eredità. Si ricorda, infine, che la rivista Forbes stimava il patrimonio di Traudl Engelhorn-Vechiatto in 4,2 miliardi di dollari.