Così i Verdi hanno fermato l’estrema destra alle Europee

Gli ecologisti che difendono l'ambiente e i diritti civili intercettano i delusi. Facendo blocco contro gli estremisti. Soprattutto in Germania. Viaggio alla radice di un boom sorprendente.

28 Maggio 2019 05.01
Like me!

Se l’Europa unita ha tenuto di fronte all’alta marea dei populisti lo si deve – e non in Italia – soprattutto ai Verdi, che a sorpresa avranno un ruolo di punta nel prossimo europarlamento.

Sull’onda delle ultime Regionali gli ecologisti sono emersi come la seconda forza politica (21%) tra i tedeschi: il doppio delle precedenti Europee del 2014 e più del doppio delle Legislative del 2017. Ma il trionfo in Germania non è il loro unico successo: i Verdi si sono piazzati bene anche in Francia, terzo partito con il 13% davanti ai conservatori scavalcati pure nel Regno Unito dagli ecologisti (11%), forti di un buon 15% anche in Belgio. Il presidente francese Emmanuel Macron intende rafforzare gli aspetti ambientalisti del programma di En Marche, ed è chiaro che si può fare ancora di più, complice la spinta del movimento di Greta Thunberg e la sua meglio gioventù. Anche il commissario uscente dell’Ue Margrethe Vestager, leader dei liberali progressisti danesi, invita a «cogliere i segnali che arrivano dai Verdi».

GLI ANZIANI CON I VECCHI PARTITI DI MASSA

I Liberali che hanno mantenuto posizioni di apertura hanno avuto buoni risultati in Paesi come il Regno Unito e la Danimarca dove sono balzati sopra il 20%, Oltremanica superando addirittura i Laburisti: solo con i deputati della loro alleanza Alde, popolari (Ppe) e i socialisti europei (Pse) avranno una maggioranza nel prossimo europarlamento, che se i Verdi saranno della partita sfiorerà i 500 seggi. I liberali premono per coinvolgerli, convinti che per il rinnovamento indispensabile per vincere i sovranisti possa arrivare innanzitutto dai partiti più freschi, dinamici e innovativi. Quanto accade agli ultimi voti in Germania lo dimostra: i socialdemocratici (Spd) precipitati ancora al 15,5% (-12% dal 2014 e -5% dalle ultime Legislative), conservano uno zoccolo duro di elettori 60 e 70enni ex sessantottini, mentre le nuove generazioni dei 20 e 30enni sono proiettate verso il movimento ecologista, il primo partito per loro. Lo stesso trend calante, in misura attenuata, si conferma per l’Unione dei cristiano-democratici e sociali (Cdu-Csu) della Angela Merkel.

La competizione è tra forze alternative come i Verdi e AfD al sistema di potere e agli usurati partiti di massa

I VERDI NUOVO NEMICO DELL’ESTREMA DESTRA

La destra moderata resta la forza più votata in Germania al 29%, ma come l’altro partito tedesco di massa perde colpi sia dalle Europee precedenti (-6%) sia dal voto del 2017 (-4%). Come la Spd la cancelliera e chi verrà dopo di lei attraggono anziani: anche a destra i giovani a questo punto preferiscono gli ultra-nazionalisti di AfD, passati in un lustro dal 7% all’11%. La competizione è tra forze nuove o svecchiate, come i Verdi dal 2018 sotto la dirigenza di Robert Habeck; comunque alternative al sistema di potere usurato – anche a Bruxelles – degli ultimi decenni. Non a caso il leader reazionario di AfD Alexander Gauland, seccato per il risultato inferiore alle aspettative tra i tedeschi e rispetto ai sovranisti in Italia e in Ungheria, ha identificato subito i Verdi come i «principali nemici»: «Ai loro antipodi» e coloro che «porteranno alla distruzione la Germania, se andranno al potere». Archiviate l’Unione di Cdu-Csu di Merkel e la Spd un nuovo “mostro” viene agitato dall’estrema destra, e non solo dello Stato con più eurodeputati a Strasburgo.

GIOVANI DI SINISTRA E LIBERTARI CONTRO AFD

Sui Verdi si stanno arroccando gli europei di sinistra e i libertari. La tedesca Ska Keller, loro capolista e più giovane candidato alla successione del supercommissario Jean-Claude Juncker, ha sottolineato la «grande responsabilità nel tradurre in azione la protezione del pianeta e la lotta per le libertà civili che la gente ci ha chiesto». La battaglia contro i cambiamenti climatici rilanciata da Greta alla vigilia della campagna per le Europee è la parte principale del programma degli ecologisti ma non è l’unica, in particolare per i tedeschi. Il governo saltato in Germania tra conservatori, Liberali (Fdp) e Verdi, del 2017, soprattutto per l’indisponibilità dei liberali a politiche economiche e sui migranti di condivisione nell’Ue, ha permesso agli ecologisti di restare puri. Anzi di essere l’unico partito in Germania a non retrocedere sull’accoglienza, dopo le politiche sociali german first lanciate anche dalla Linke e dalla nuova dirigenza socialdemocratica per i ceti medio-bassi. Per non parlare degli accordi di Merkel sui rimpatri dei richiedenti asilo da zone cosiddette «sicure».

I LAND ROSSI NON A DESTRA MA CON I VERDI

In altre parole, i Verdi non sono stati finora disponibili a compromessi che snaturassero i loro valori, né hanno cavalcato la paura e l’insicurezza sociale provocata dalle crisi tra la popolazione europea come fa la destra creando nemici. Non cercavano voti a destra, anche se alla fine secondo i calcoli ne hanno presi più di un milione anche dalla Cdu e dalla Csu, tra i giovani conservatori che non vogliono mettere in discussione i diritti acquisiti e la libera circolazione nell’Ue. Altrettante preferenze (circa 1 milione e 300mila dalle ricostruzioni) sono arrivati a Ska e Habeck dalla base dei socialdemocratici che – ormai in larga maggioranza – li vorrebbe fuori da coalizioni con Merkel, come chiede da tempo anche la sezione giovanile degli Jusos. Voti ai Verdi – come viceversa in Italia alla Lega – sono arrivati da Land rossi come il Nord-Reno Vestfalia dei distretti operai di Duisburg, perché i tedeschi di sinistra sono stufi della Spd anche nelle sue roccaforti. L’unica a resistere è la piccola città-Stato di Brema, rimasta socialdemocratica anche per le Europee.

MA NELL’EST I VERDI SFONDANO SOLO A BERLINO

In tutte le grandi città tedesche (da Monaco a Berlino, da Amburgo a Francoforte) i Verdi europeisti si sono affermati come secondo partito: dagli ex elettori della Linke, per esempio a Berlino, e dei liberali che per opportunismo scimmiottano i sovranisti, per esempio a Francoforte, è piovuto agli ecologisti quasi un altro milione di voti. Mentre in effetti da ex simpatizzanti di AfD si stimano arrivati 50 mila voti o poco più: non c’è compenetrazione. La prossima sfida dei Verdi è ripetere l’effetto Baviera alle Regionali di settembre e ottobre 2019 nei Land dell’Est che per AfD equivalgono all’Italia della Lega: nelle campagne e nelle province dell’ex Ddr l’estrema destra xenofoba di AfD è il primo partito al 30%. La propaganda dei Verdi risulta aver sfondato anche tra gli operai e i disoccupati (+10%) per decenni socialdemocratici, ma non nell’Est. L’affluenza (al 61%) è stata ai massimi dal 1989 in Germania: un buon segnale, in tanti raccontano di essere andati per «fermare le destre populiste», in crescita come da sinistre previsioni. Guai allora ad abbassare la guardia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *