I cantanti favoriti dell'Eurovision Song Contest 2019

I cantanti favoriti dell’Eurovision Song Contest 2019

Il nostro Mahmood è dato al quarto posto. Primo l'olandese Duncan Laurence. I pronostici dei Bookmaker in vista della kermesse. 

14 Maggio 2019 18.30

Like me!

Due anni fa era dato per favorito Francesco Gabbani, ma arrivò solo sesto. L’anno scorso non sembravano messi male Ermal Meta e Fabrizio Moro, ma non andarono oltre il quinto posto. Insomma, è ormai chiaro che il gioco dell’Eurovision song contest è alterato un po’ da una general antipatia delle giurie dei Paesi più piccoli verso i Big Five che vanno direttamente in finale senza passare per la semifinale (anche l’Italia, oltre a Germania, Francia, Regno Unito e Spagna) e un po' forse da altre antipatie geopolitiche, come quella di San Marino che sembra non voler mai votare Italia apposta per dimostrare che si tratta di un Paese differente.

LEGGI ANCHE: Gioventù bruciata è un buon album ma Mahmood sia più soul

Anche di questi equilibri tengono conto i Bookmaker, quando devono determinare le quote delle scommesse sui cantanti in gara. Tant’è che per un po’ hanno dato come favorito 3,5 a 1 il russo Sergey Lazarev sebbene non si sapesse ancora il titolo della sua canzone, e al numero due era data la Svezia sebbene ancora non si sapesse neanche il nome del suo cantante. L’italiano Alessandro Mahmood era dato solo 10 a 1. Poi, però, man mano che nomi e canzoni si sono fatti più chiari il quadro è un po’ evoluto. Resta tra i favoriti Lazarev con Scream ma solo secondo, mentre lo svedese John Ludvink come interprete di Too late for love è dato terzo. La sua presenza in realtà è doppia, visto che è anche co-autore di Bigger Than Us, che rappresenta il Regno Unito.

MAHMOOD SCIVOLA AL QUARTO POSTO, PRIMO DUNCAN LAURENCE

Dal terzo posto Mahmood con la sua Soldi, già vincitrice di Sanremo, scivola al quarto. In testa è infatti balzato il 24enne olandese Duncan Laurence, che arriva a Eurovision per aver vinto The Voice, e la cui canzone Arcade è presentata come un inno Lgbt. La spinta anti-Big Five sembra confermata dal fatto che nelle quotazioni, alle spalle di Mahmood ci sono i rappresentanti di Azerbaigian, Malta, Svizzera, Islanda, Australia. Mentre la Francia è solo decima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *