Redazione

Il congedo polemico di Fabio Fazio su RaiUno

Il congedo polemico di Fabio Fazio su RaiUno

Il conduttore di "Che tempo che fa" ha salutato gli spettatori: «Sembra che ci ritroveremo su RaiDue. Quello che conta è essere considerati una risorsa e non un problema».

02 Giugno 2019 21.51

Like me!

Il momento dei saluti è arrivato. Dopo il trasloco imposto e le polemiche politiche sul suo stipendio (e non solo), Fabio Fazio ha aperto su RaiUno l’ultima puntata del suo Che tempo che fa ringraziando tutti quelli che hanno seguito e sostenuto il programma in quella che, ha detto, «è stata una stagione complicata, molto vivace». Poi ha spiegato: «Il luogo non conta, l’importante è essere considerati una risorsa e mai un problema». Sorridendo, ha dato l’appuntamento agli spettatori: “L’anno prossimo sembra che ci ritroveremo su RaiDue e intanto ho avuto un invito ufficiale da Rai YoYo che ringrazio».

NUOVA COLLOCAZIONE DA FRECCERO

Già nell’anticipazione in collegamento con il Tg1 Fazio aveva definito «spericolata, come direbbe Vasco» la stagione di Che tempo che fa che si è chiusa domenica 2 giugno 2019. Poi in apertura di trasmissione, al suo fianco sempre Luciana Littizzetto, il congedo con il rimando alla nuova collocazione sulla RaiDue guidata da Carlo Freccero.

Una stagione intensa: 32 puntate insieme, una media di oltre 3,8 milioni di telespettatori che è davvero enorme


Fabio Fazio

«È una serata di molti ringraziamenti perché siamo giunti alla fine di una stagione intensa, complicata ma molto vivace: 32 puntate insieme, una media di oltre 3,8 milioni di telespettatori che è davvero enorme… grazie di cuore a tutti quelli che ci hanno seguito e hanno creduto in noi. Qui c’è il primo direttore di RaiUno, Andrea Fabiano, con cui ho cominciato su RaiUno un paio di anni fa, grazie a te, a Rosanna Pastore a Luisa Pistacchio, grazie di tutto».

«BASTERÀ SCHIACCIARE UN TASTO»

Quanto al trasloco: «Se sarà RaiDue trattasi di schiacciare un tasto del telecomando, non è una cosa complicata… con il mio amico Freccero con cui abbiamo fatto tanti anni fa Anima mia, Quelli che il calcio, ci divertiremo, l’importante è avere sempre la possibilità di divertirsi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *