Il governo francese benedice la fusione tra Fca e Renault

Il governo francese benedice la fusione tra Fca e Renault

Per il ministro dell'Economia Bruno Le Maire è «una grande opportunità». Parigi intende mantenere il 7,5% del capitale della futura società.

28 Maggio 2019 06.39

Like me!

Anche il governo francese benedice la fusione tra Fca e Renault. E Parigi intende mantenere il 7,5% del capitale della futura società. A parlare per conto dei transaplini è stato il ministro dell'Economia Bruno Le Maire, che ha definito la proposta di matrimonio di Fiat-Chrysler «una grande opportunità per Renault». Sulla stessa linea il vicepremier italiano Matteo Salvini, ai microfoni di Rtl: «Mi sembra un’operazione utile per l’Italia e per l’Europa avere un gigante dell’auto. Se tutti rispettano gli impegni presi, mi sembra giusto si vada in questa direzione».

LEGGI ANCHE: Tutti i numeri della fusione Fca-Renault

L'operazione, secondo Le Maire, aiuterà in particolare gli investimenti. La Francia, che attualmente possiede il 15% di Renault, vigilerà sugli interessi nazionali e chiede garanzie sul mantenimento degli impianti e dei livelli occupazionali. Secondo il ministro nessuna fabbrica e nessun posto di lavoro dovrà andare perso in Francia e la cosa dovrà essere messa nero su bianco nel piano di fusione. L'intesa inoltre, a giudizio di Le Maire, dovrà tener conto della partnership già esistente tra Renault, Nissan e Mitsubishi. Trattandosi di una «fusione tra eguali», Parigi chiede una governance equilibrata e vuole che il nuovo gruppo partecipi al piano europeo per lo sviluppo di batterie per le auto elettriche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *