Femminicidio di Terzigno, Pasquale Vitiello si è suicidato

Redazione
20/03/2018

Pasquale Vitiello si è suicidato. Il cadavere dell'uomo che il 19 marzo ha ucciso sua moglie, Immacolata Villani, con un...

Femminicidio di Terzigno, Pasquale Vitiello si è suicidato

Pasquale Vitiello si è suicidato. Il cadavere dell'uomo che il 19 marzo ha ucciso sua moglie, Immacolata Villani, con un colpo di pistola sparato davanti alla scuola elementare frequentata dalla figlia, è stato ritrovato dai carabinieri di Terzigno in via Plinio, poco distante dall’istituto scolastico in provincia di Napoli (leggi anche: Napoli, donna uccisa davanti alla scuola elementare dei figli).

LA FUGA A BORDO DI UNO SCOOTER. Dopo aver commesso l'omicidio Vitiello era fuggito a bordo di uno scooter ed era ricercato dalle forze dell'ordine. Il suo cadavere è stato ritrovato all’interno di un rudere, nelle campagne di Terzigno. L'uomo, 36 anni, era responsabile di una squadra di pulizie all’Alenia di Pomigliano d’Arco. Ha ucciso sua moglie poco dopo l'ingresso della figlia a scuola.

IMMACOLATA VOLEVA SEPARARSI. Immacolata voleva separarsi e il 4 marzo, dopo una lite violenta, aveva lasciato la casa in cui viveva con il marito e si era trasferita a casa del padre, a Boscoreale, un paese poco distante. Aveva denunciato per maltrattamenti il marito e la suocera. Quest’ultima, aveva spiegato Immacolata ai carabinieri, l’aveva presa per il collo, mentre il marito le aveva dato un calcio.

RECUPERATE PIÙ DI VENTI LETTERE. I litigi continui avevano esasperato i rapporti di coppia e Immacolata aveva trovato un nuovo amore. Ma il marito non si arrendeva all’idea di perderla. «Sono un incompreso, mi farò giustizia da solo», aveva scritto in una lettera ritrovata dai carabinieri nella sua abitazione. Le lettere recuperate sono più di venti, la maggior parte delle quali indirizzate alla figlia, che ha soltanto nove anni.

[mupvideo idp=”5495294799001″ vid=””]